Testo di Figghiò di Tedua, Disme e Nebbïa.

Per ascoltare il testo di Figghiò di Tedua, Disme e Nebbïa o acquistare il brano clicca qui.

Ah, Vita Vera Mixtape
Aspettando la Divina Commedia
Drilliguria, Palermo, fino a Trappeto
Ok Nebbïa, ok Disme

Liscio, figghiò
Sassi che rendono dieci mila in Vuitton
Sogni di carta campano vite, figghiò
Strade coperte di fango e lippo, figghiò
Figli che piangono perché un padre, figghiò
Torna in arresto con dieci mila, però
Tutte le volte che ha visto bianca annuivvò
Tinto contante, piste di carta, figghiò
Li-liscio, figghiò, ya

Là fuori devi stare attento, a chi non parla questa lingua
Sta per strada e non sa andare a tempo
Ehi, vuoi fare a gara a chi sta peggio
Pagherò ogni mio peccato e non si bara, te l’ho detto
Chiuso in para quando penso, domani ti dirò “stavo male, ti ricordi?”
Non lo fare, griderò
Tanto loro sono sordi, scappo dai “nino-nino”
Farlo solo per i soldi, so cosa rischio, però
Dico di no, ehi, mi ricordo dentro i vicoli bro, ehi
Sto sempre ad occhio in giro sì, morirò
Domani tipo, intanto rido, però
Perché qua va

Liscio, figghiò
Sassi che rendono dieci mila in Vuitton
Sogni di carta campano vite, figghiò
Strade coperte di fango e lippo, figghiò
Figli che piangono perché un padre, figghiò
Torna in arresto con dieci mila, però
Tutte le volte che ha visto bianca annuivvò
Tinto contante, piste di carta, figghiò
Li-liscio, figghiò, ya

Chiuru bummi e chiuru l’occhi pi ‘st’immagini ca vìu
A centuvinti nn’autostrata, n’atra strata si rapìu
Vinti picciotti pi strata, ‘na ritata sì futtìu
Vuliva ‘u bussdown, bussdown, ma ora chianci picchì
‘U tempu passa e passa e u picciutteddu criscì
So patri grida: “Nonno, ‘un vogghiu stari accussì”
Senti ‘i chianti, figghiò, ma ‘un vivi chianti picchì
‘I lacrimi un si ponnu viviri si ê moreri ‘i siti
Si ti pigghiavanu i murriti, “Unni ‘i mittisti” mi gridi
I sogni corrono, figghiò
Questo è ciò che so
Vacci appressu, stannu accura, forse ‘u tempu si caimmò
Quindi lisciu, figghiò
Vasciu, figghiò
Picchì sta strata è sciddicusa, strinci i renti, figghiò
Quindi lisciu, figghiò
Vasciu, figghiò
Nn’amu fatti mal’ iurnati, ma ora u ventu canciò

Liscio, figghiò
Sassi che rendono dieci mila in Vuitton
Sogni di carta campano vite, figghiò
Strade coperte di fango e lippo, figghiò
Figli che piangono perché un padre, figghiò
Torna in arresto con dieci mila, però
Tutte le volte che ha visto bianca annuivvò
Tinto contante, piste di carta, figghiò
Li-liscio, figghiò

Si veste ed esce fuori, coi ragazzi dei rioni
San di essere terroni e di ciò vanno orgogliosi
Ai polsi vantano orologi, sulla mano un cannone
Impastato come Peppino, ancora impacciato
Per primo parla ma prima non pensa istintivo
Ha la certezza che lascerà la sua terra
Ma non sa dove atterra
Prima che il padre gli lasci i conflitti di guerra
Alzando sempre i medi, per sempre come Mary
Camminando sui sentieri, come quella dei gemelli
Liscio figghiò, non c’è rischio migliore
Che inseguire il tuo sogno
E se impari a cadere allora più convinto figghiò
Finché non finiscon le forze
E ne paghi le conseguenze

Correlato:

  • Scopri le ultime uscite del rap italiano e internazionale cliccando qui.

Fonte: Genius.com

Commenti