YSOLA Live – IN è il nuovo progetto per la musica dal vivo lanciato dall’etichetta ASIAN FAKE.

L’emergenza coronavirus non ha risparmiato alcun settore lavorativo e quello della musica non fa certo eccezione. Infiniti i concerti posticipati: tra gli appuntamenti più attesi di quest’anno ci sarebbero state le quattro serate al forum di Assago di Marracash, di cui già tre sold out, e la tappa del tour di Salmo a San Siro. Oltre agli artisti già affermati non dimentichiamoci anche degli emergenti che per la prima volta stavano portando in giro per l’italia un proprio tour, ma più in generale di tutti gli addetti ai lavori.

Per ovviare alla gravità della situazione l’etichetta ASIAN FAKE ha pensato di lanciare il progetto YSOLA Live-IN.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Abbiamo sottoposto il progetto a Regione Lombardia, che ringraziamo per aver mostrato un’intenzione esplicita al supporto e una direzione per il settore dell’intrattenimento. Il “tavolo aperto” di cui vi abbiamo parlato è tale oggi più di una settimana fa, perché si è aperto uno spiraglio operativo in cui inserirci insieme con domande e proposte, idee da sviluppare insieme. L’obiettivo primario è sempre lo stesso: offrire un’opportunità a un settore che, diversamente, subirebbe un colpo tremendo. Questa è la stessa esigenza colta anche dalla Regione. Verranno tutti i ragionamenti necessari sulla fruibilità dello spettacolo, per questo speriamo in uno scambio propositivo e collettivo. Si tratta di provare a fare oggi qualcosa di sostenibile dal punto di vista sanitario, ambientale, sociale, economico e artistico. Scrivici a [email protected]

Un post condiviso da ASIAN FAKE (@asian_fake) in data:

YSOLA si prefigge come primo obiettivo quello di sostenere il settore della musica dal vivo, riprogettando il drive-in in ottica contemporanea e con misure più tecnologiche. Il progetto non prevede il coinvolgimento solo delle autovetture ma lascerà spazio anche ad alternative come moto e biciclette.

Premesso che la salute è al primo posto, non bisogna sottovalutare l’importanza di eventi come i live per soddisfare il bisogno naturale di collettività ed evasione dal proprio contesto casalingo.

QUI il link per leggere la prima stesura della proposta.

Commenti