All’improvviso, Gemitaiz e Madman hanno annunciato Veleno 7, il nuovo ed attesissimo capitolo della saga che tutti aspettavano.

E’ bastato un post su Instagram in un giorno qualsiasi di inizio giugno per fomentare in modo indescrivibile i fan del rap italiano sparsi per tutto lo stivale. Un artwork molto semplice, raffigurante una mano che sorregge una mela e poi ciò che tutti aspettavano da tempo: “Veleno 7 fuori a mezzanotte”. E’ proprio vero che “er veleno nun finisce mai” ma è anche vero che non sapevamo con certezza fino a quando sarebbe durato, sino a ieri per l’appunto.

Le aspettative, come era prevedibile, non sono state affatto deluse e su una produzione quasi latineggiante di Pk e Mixer T, Gemitaiz e Madman hanno dato vita ad un cult istantaneo.  Ogni episodio è sempre stato caratterizzante per i due artisti, che sul tempo si sfidano in una vera  e propria battaglia di rime dove non c’è pietà alcuna, vince sempre il migliore, anche se si tratta di un vincitore difficile da dichiarare. Due attitudini differenti, così come i riferimenti e le metriche adottate che – però – vanno viste da lontano affinchè si possano cogliere tutti i dettagli della visione d’insieme.

Veleno 7 di Gemitaiz e Madman – infatti – non sembra essere soltanto un regalo ai fan che mai hanno smesso di sperarci, che quasi avrebbero preferito questo brano piuttosto che i progetti rilasciati da entrambi i rapper nel 2018, ma ha davvero le carte in regola per essere un singolo che anticipa qualcosa di più grosso. E’ da un po’ di tempo che i due, uniti da un forte legame umano oltre che artistico, si ritrovano insieme in qualche appartamento sparso tra la Spagna e gli USA alternando il lavoro al diletto. Ed esattamente come accaduto per Veleno 7, chissà che non accada anche per Kepler 2, di vederli nuovamente insieme in un disco.



Correlato
:

  • Leggi anche il testo di Veleno 7 di Gemitaiz e Madman.
Commenti
Ho 21 anni e mi nutro quotidianamente di questa musica. Preferisco gli autori profondi a quelli superficiali e sono fermamente convinto che il rap possa veramente tirare fuori le persone dalla m*rda.