Aspettando Tarantelle, è online Hola di Clementino e Nayt, una traccia che risulta essere subito molto interessante.

Clementino è inarrestabile quest’ultimo periodo, dopo GandhiUn Palmo Dal Cielo, oggi, 12 aprile 2019, ha rilasciato Hola, il secondo estratto del suo nuovo album in uscita a maggio e su cui sta lavorando da parecchio tempo. Le aspettative sono altissime se questo è il livello del suo nuovo progetto.

Ospite del rapper campano è Nayt, da pochi fuori con Raptus 3 e che regge benissimo il livello in una traccia molto complessa che merita particolare attenzione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

HOLA! feat. @nayt, fuori ora. Link in bio 👋

Un post condiviso da CLEMENTINO (@clementinoiena) in data:


Nel nuovo brano di Clementino e Nayt possiamo osservare parecchi riferimenti alla sua terra – con l’utilizzo del suo dialetto – e qualche frecciatina alla scena rap attuale o ad alcuni dei suoi personaggi più in mostra. Giusto per fare un esempio, ecco cosa dice Nayt:

“Metto le mani avanti, spero non te la prenda,
fatti due tiri d’erba, spero che ti diverta,
quando c’ho un’erezione io per farmela passare penso a Fishball,
fatta di crack, in un posto di m*rda!”

Non un vero e proprio dissing – difatti è lo stesso Nayt che apre con “metto le mani avanti” – ma neanche un elogio alla giovane sarda finita nel mirino del rapper di Isernia. Staremo a vedere se scorrerà indignazione o poco sangue in risposta.

Ora passiamo a cose più serie: Clementino sta dimostrando di nuovo cosa era capace di fare in passato, dopo esser passato per un sound più, se possiamo definirlo, “da radio” in questi ultimi anni. In Hola si merita ogni plauso con un flow disumano accompagnato da una base azzeccatissima e molto particolare, prodotta da PJ GIONSON e su cui sia Nayt che lo stesso Cleme si adagiano benissimo.

Se queste sono le premesse, il livello dell’album a nostro parere sarà mostruoso. Aspettando di poterlo ascoltare per intero, vi lasciamo di seguito lo streaming di Hola di Clementino e Nayt. Buon ascolto

Correlato:

Commenti