Siamo nuovamente stati ad un live di Salmo, questa volta al PalaGeorge di Montichiari, Brescia.

Non vi dovreste sorprendere – almeno lo speriamo – se in questo portale trovate affermazioni come la seguente: il rap è il genere musicale migliore da ascoltare sia in cassa che sotto ad un palco. Il sottoscritto, precisiamolo, non è che ha il paraorecchie e ascolta solo questa musica, anzi, tuttavia è ritiene difficile trovarne di un’altra tipologia che riesca a farti provare una pluralità di emozioni differenti e a rappresentare un’intera generazione, se non di più.

Ogni qualvolta assistiamo ad un concerto in linea con il rap di cui vi parliamo giornalmente ne abbiamo sempre di più la conferma e così è stato anche venerdì 29 marzo, quando abbiamo avuto il piacere di assistere al live di Salmo tenutosi presso il PalaGeorge di Montichiari, comune del bresciano omaggiato e ringraziato più volte dallo stesso rapper della Machete. A tal proposito bellissimo il siparietto in cui ha provato ad imitare – con tonalità quasi più venete – il dialetto locale, finito con un bel “pota” e l’ovazione del palazzetto, sold out.

Dopo un po’ di attesa, non ben assistita dalla selecta di sottofondo – tenuta fino all’inizio del live, a nostro parere, eccessivamente bassa – verso le 21:30 è finalmente iniziato il live di Salmo, il penultimo di questo su Playlist Tour riempito in ogni singola data.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Salmerson Paak

Un post condiviso da Salmo Official (@lebonwski) in data:

Con un palco tenuto nascosto da dei teli fino all’ultimo e una scenografia da rooftop di qualche sobborgo statunitense, il concerto è stato una conferma di quanto ci si aspettava: performance eccellente, band impeccabile e sketch divertenti, uno su tutti il momento in cui Salmo si è travestito da Spiderman (con tanto di posa da meme) e ha iniziato a suonare la batteria per il brano Tiè, contenuto nel suo fortunatissimo album da cui di recente è stato pubblicato il video di Lunedì.

Quasi due ore di concerto, ben strutturato dall’inizio alla fine grazie al supporto di uno staff attendo ad ogni singolo dettaglio, compreso al pubblico, assistito più volte con dell’acqua e invogliato a fare quei classici pogo che non manca mai ad un live di Salmo.

Playlist è stato suonato quasi tutto  – è mancata solo Dispovery Channel – con i featuring lasciati per intero ma non potevano mancare, ovviamente, successi del passato come Mic Teaser, L’Alba, Russell Crowe, S.A.L.M.O. o 1984, cantanti dall’inizio alla fine da un palazzetto colmo, giovane e preso benissimo, talmente tanto da lanciare “omaggi” di ogni tipologia sul palco, perfino una scarpa…

Con questo tour Salmo si è confermato tra i migliori artisti italiani da ascoltare dal vivo – sia chiaro, non ci riferiamo solo al nostro genere musicale – in quanto capace di intrattenere il pubblico per tutto il tempo del concerto, senza steccare un singolo brano e assistito da una band formidabile, con un Frenetik veramente in forma.

Se non avete ancora avuto modo di assistere ad un live di Salmo, cercate di rimediare il prima possibile e non dovrebbe essere difficile, dato che lo stesso rapper ha affermato che quest’estate suonerà in diversi Festival, molti dei quali a ingresso gratuito. Non fateveli sfuggire!

Commenti