L’associazione Street Arts Academy presenta Voci Spiegate, un progetto nato da un’idea di Mirko Kiave, che si compone di una serie di laboratori incentrati sul rap e la cultura Hip Hop in luoghi come carceri, case famiglia e centri di accoglienza.

La cultura della doppia H è davvero universale. Giorno dopo giorno ci rendiamo conto della vera forza divulgativa e l’eterogeneità che permette alle arti racchiuse nell’hip hop, quindi rap compreso, di arrivare alla gente in maniera celere, semplice e soprattutto efficace.

Contrariamente a quello che molto spesso viene riportato da critiche attuali da parte di esponenti politici poco informati o del falso giornalismo che ogni giorno grida ad uno scandalo diverso, possiamo affermare con certezza che il rap, invece, è uno dei principali mezzi per la divulgazione di messaggi di integrazione, libertà e solidarietà ai giovani e non solo.

Non molto tempo fa sono stato testimone dell’attività sociale in continua evoluzione portata, ad esempio, da Amir Issaa che ci ha raccontato personalmente delle esperienze maturate con il suo progetto Regina Rap. Un insieme di incontri effettuati nel carcere di Regina Coeli nei pressi di Roma Est con ragazzi appartenenti anche a diverse etnie, al fine di produrre dei brani rap, anche in diverse lingue. Il tutto è poi stato portato in scena il 30 gennaio sempre presso il carcere romano.

L’esempio che invece riporteremo oggi, è legato ad un noto liricista calabrese e freestyler di eccellenza classe ’81: Mirko Kiave è sicuramente uno dei rapper più apprezzati del panorama nazionale, capace di far convivere testi profondi con il più puro intrattenimento. Maestro dello storytelling e forse anche per questo, sempre attento all’influenza e all’impatto che la musica può avere nella società. Negli ultimi anni è stato protagonista di molte attività legate al sociale, tra cui diversi workshop con i detenuti e richiedenti asilo.

Voci Spiegate è un progetto nato nel 2014 dall’idea della associazione Street Arts Academy in collaborazione con il rapper cosentino e portato avanti negli anni attraverso la creazione di laboratori in diverse case circondariali e carceri minorili. Un percorso durato sette mesi per un totale di quindici lezioni, nel quale Kiave ha lavorato con alcuni giovani de La repubblica dei ragazzi di Civitavecchia, offrendo loro i mezzi tecnici e artistici per poter scrivere autonomamente testi musicali rap, cantarli e infine registrarli in un unico album, utilizzando così la musica come mezzo di emancipazione, crescita personale e di divertimento.

Voci Spiegate è stato reso disponibile gratuitamente su Soundcloud pochi giorni fa mentre qui si possono trovare maggiori informazioni sui laboratori e su Street Arts Academy.

 

Commenti