Lo storico producer Swizz Beatz ha rilasciato il suo nuovo album, Poison.

Il nome di Swizz Beatz è praticamente un culto nel circuito Hip-Hop statunitense, nonché uno dei producer più noti anche dalle nostre parti. Swizz è uno dei produttori più innovativi e freschi del panorama, da sempre innovatore e garanzie di sodalizi quasi sempre azzeccati. Negli ultimi tempi è stato al centro di molte discussioni grazie alla sana competizione sviluppata con Timbaland nella quale i due facevano una vera e propria battaglia di beat, sfidandosi a suon di sintetizzatori e batterie.

Sicuramente Swizz è da un po’ di tempo che non vive più sotto la luce dei riflettori ma ciò non gli ha sicuramente impedito di lavorare con calma a qualcosa di nuovo, marchiando la musica con le caratteristiche che lo hanno sempre contraddistinto. Elementi da cui nasce appunto questo nuovo album, intitolato Poison, che vuole essere un sunto della sua illustre carriera. Il disco è compatto e ben strutturato, composto da 10 tracce che vedono alternarsi al microfono nomi molto interessanti ed accoppiate suggestive come quella di Kendrick Lamar, Jadakiss e Styles P. Altri ospiti presenti nel disco sono Lil Wayne, che ha dato vita al primo singolo estratto P.O.S., l’inglese Giggs, il membro dei Diplomats Jim Jones, i king Nas e Pusha T, 2 Chainz, French Montana e Young Thug.

Il disco è disponibile dappertutto e ci dà una concreta possibilità di tornare a riassaporare un concept album – perché di un produttore – di un certo livello e che siamo sicuri possa soddisfare diversi tipi di palato.

Commenti
Ho 21 anni e mi nutro quotidianamente di questa musica. Preferisco gli autori profondi a quelli superficiali e sono fermamente convinto che il rap possa veramente tirare fuori le persone dalla m*rda.