Con Potere Alla Parola l’hip-hop italiano va in scena presso la Casa della Cultura Italo Calvino.

In un recente articolo evidenziavo la chiara situazione di disagio culturale -e comunicativa- cui il nostro paese versa da tempo per quanto concerne il processo di assimilazione del fenomeno hip hop.

In Italia la poliedrica dimensione della “doppia acca” fatica non poco ad essere compresa in tutte le sue varie declinazioni. Talvolta del resto accade vengano indetti laboratori rap, i quali costituiscono splendide opportunità -per i novizi più curiosi- di approfondire l’intero universo urban.

A Calderara di Reno, fiorente comune emiliano vicino Bologna, si terranno dieci incontri -tra il 24 marzo ed il 30 maggio prossimo- presso la Casa della Cultura Italo Calvino. Il workshop è gratuito e rivolto a tutti coloro che rientrino in una fascia d’età compresa tra gli undici ed i ventotto anni. I partecipanti avranno la possibilità di comporre un brano rap guidati da Moder: noto rapper ravennate nonché direttore artistico dell’Under Fest.

Il pezzo realizzato verrà presentato il 30 maggio presso la Casa della Cultura, per essere poi eseguito alla parata rap – tra le vie di Lido Adriano – il successivo 2 Giugno. Parallelamente al laboratorio sono previsti tre incontri focalizzati sull’argomento rap e tematiche affini: inutile negare come l’hip hop sia il medium più diretto, immediato ed efficace, per instaurare un dialogo con la gioventù contemporanea.

Pierfrancesco Pacoda, curatore dell’intero progetto, ha aperto le danze il 9 Marzo scorso con un’interessante conferenza intitolata “Dal rap alla trap: dai ghetti neri delle metropoli americane all’autotune“. Domani, 16 Marzo, sarà invece il turno di Moder: questi offrirà una panoramica del proprio vissuto artistico e spiegherà dettagliatamente le varie fasi del laboratorio. L’ultimo incontro invece – fissato per il 14 aprile – vedrà Claver Gold, figura iconica della realtà hip hop nostrana, in qualità di ospite. L’artista marchigiano coglierà l’occasione anche per svelare quello che sarà il suo futuro lavoro.

Mi sento di consigliare caldamente la partecipazione al suddetto laboratorio, occasione unica di accrescimento personale e culturale. Che sia stato o meno fonte d’ispirazione, Potere alla Parola rimanda inevitabilmente al pezzo di Frankie Hi-NRG contenuto in Verba Manent. Un evento intellettuale così chiamato non può che essere garanzia di inevitabile professionalità e divertimento.

Commenti