Il rapper di Atlanta continua con la promozione del suo album “Issa”

È un periodo molto prolifico quello che sta attraversando 21 Savage, uno dei nomi più chiacchierati della cartina geografica musicale statunitense. Dopo le ultime due recenti collaborazioni in “Rockstar” con Post Malone ed in “Pull Up’ N’ Wreck” con Big Sean, il rapper di Atlanta è uscito settimana scorsa con un progetto che ha fatto molto parlare di sè, “Without Warning“, in collaborazione con Offset e Metro Boomin di cui vi parliamo qui.

Questa settimana è invece uscito il video di “Bank Account“, uno dei pezzi che ha avuto più successo del suo ultimo progetto, in uscita questa estate, “Issa“. Il visual, così come lo stesso titolo del brano suggerisce, ci mostra un 21 Savage dedito ad orchestrare un colpo in banca con l’aiuto dell’attore statunitense Mike Epps il quale si cala molto bene nei panni del complice. La regia impostata da Swinsky restituisce invece un’atmosfera quasi surreale nella quale si svolge il contesto.

Il video conta già quasi 4 milioni di visualizzazioni dopo soltanto due giorni. È chiaro ormai come, soprattutto nel contesto nativo come quello oltreoceano, questo del mumble rap o più semplicemente della trap, sia oramai affermato su tutte le latitudini. I dibattiti che hanno più volte allontanato questo fenomeno dalla cultura hip hop sono ormai indubbiamente virati verso lidi certi e statisticamente chiari dentro i quali sono ben altri i valori che contano. 21 Savage ne è un esempio, così come lo è il suo strepitoso successo nonostante oggettivamente manchi di spessore artistico. Il mondo dei numeri, però, riesce a cambiare le regole di qualsiasi mondo ed è indiscutibile quanto questi nuovi prodotti siano legati al cambiamento. “Bank Account” è il simbolo di questa nuova dichiarazione d’intenti.

Commenti
Ho 21 anni e mi nutro quotidianamente di questa musica. Preferisco gli autori profondi a quelli superficiali e sono fermamente convinto che il rap possa veramente tirare fuori le persone dalla m*rda.