Pray Momma Don’t Cry è il nuovo inedito di Rapsody: un omaggio a George Floyd e alle altre vittime della polizia.

Nei giorni scorsi, Rapsody ha condiviso con i fan Pray Momma Don’t Cry. La traccia è inclusa in I Can’t Breath/Music for the Movement, un EP frutto della collaborazione tra The Undefeated e Disney Music Group.

Il mini-progetto si compone di quattro canzoni, delle quali tre cover e un brano originale: Pray Momma Don’t Cry. Alla produzione troviamo 9th Wonder e Howard Joyner, mentre Bilal presta la propria voce nel ritornello.

Con questo singolo, la rapper di EVE torna a parlare degli omicidi commessi dalla polizia nei mesi scorsi. Rapsody critica infatti la società contemporanea, nella quale l’assassinio di afroamericani è divenuto la normalità:

“It’s mourning nights knowin’ Breonna ain’t gettin’ another morning/Watchin’ black death, our murder shouldn’t be normal/Mercy mercy what a world our black children are born into/Black is king we pray that scars will heal, still a noose/Wounds out the womb, targets on our back like birth marks are tombs”

Nello struggente ritornello cantato da Bilal, l’artista ricorda la morte di George Floyd dando voce al dolore dell’intera comunità:

“Pray for me defend these streets/Murder was the case shot by police/Last word he said was I can’t breathe/Rest in peace can rest in peace/Momma she gon’ cry for me/Folks gon’ yell, deep in these streets/Sound of pain, ain’t no peace/Just know when you hear my people weep/It’s the sound of love”

L’EP I Can’t Breath/Music for the Movement non vuole essere solamente un omaggio al BLM, ma anche un invito a prendere parte alle elezioni: il prossimo 3 novembre i cittadini americani saranno infatti chiamati a scegliere il loro prossimo Presidente.

Potete recuperare Pray Momma Don’t Cry e le altre tracce del mini-progetto cliccando sul link che trovate qua sotto. Fateci sapere la vostra dopo aver dato loro un ascolto… enjoy!

Commenti