Testo di Tardissimo di Guè Pequeno, Marracash e Mahmood.

Per ascoltare il testo di Tardissimo di Guè Pequeno, Marracash e Mahmood o acquistare il brano clicca qui.

Scusa se m’ispiro, se aspiro
E non sono tornato, ero in giro
Mi ero promesso di non dirlo mai in un testo
Ma così nella tua testa, lo imprimo
Scusa se ti ho fatto piangere
Se il sogno l’ho fatto infrangere
Queste strade sono sacre
Sono come le mie vene, il mio sangue
Il modo in cui io odio ed io amo è pesante
Mi ricordo sai quando hai pregato
Per noi perché mi ero quasi freddato
Mi tenevi i panni per calmarmi
Io per ringraziarti ho fregato
Io che ho sempre negato
Essere maledetto mi benedice
Sai che ho fatto tardissimo, ore mai viste

G-U-E

Scusa se ho fatto tardissimo
Cantato da Cristo, mo
Torno a casa stanchissimo
Bevuto da schifo, non
Volevo, volevo, lo giuro
Sullo specchio non vedo futuro, oh
Per sta faccia di m*rda stanca
Ma che non riesco più a mettere a nudo, oh

Tu ti aspetti arretri, io mi aspetto troppo
Tu mi aspetti in piedi, io ti aspetto sotto
Io, trovo scuse invece di scusarmi
Per te è più irritante dei ritardi, eh
Ed entrambi abbiamo avuto traumi
Se non stiamo calmi, Dio ci salvi, ehi
Tu sai, sei come me, tieni i pensieri per te
Persa nei se, ma manco sai che
Provi e mi poni dei test
Ma io t’amo alla mia maniera, ah
E l’anima mia è nera
Come uscita da una miniera, ah
Ma con la borsa piena
Marracash

Scusa se ho fatto tardissimo
Cantato da Cristo, mo
Torno a casa stanchissimo
Bevuto da schifo, non
Volevo, volevo, lo giuro
Sullo specchio non vedo futuro, oh
Per sta faccia di m*rda stanca
Ma che non riesco più a mettere a nudo

Mai, mai, mai
Non mi sveglierai-ai-ai
Nel cielo mi vedrai-ai-ai
Come Dragon-ite-ite-ite
Volevo, volevo lo giuro
Sullo specchio non vedo futuro, oh
Per sta faccia di m*rda stanca
Ma che non riesco più a mettere a nudo

Ehi, è la città che mi ha scelto per raccontarlo
Non sei famoso ti prego non diventarlo, se
Questa via era l’unica, giuro
Torno quando è buio, ma

Scusa se ho fatto tardissimo
Cantato da Cristo, mo
Torno a casa stanchissimo
Bevuto da schifo, non
Volevo, volevo, lo giuro
Sullo specchio non vedo futuro, oh
Per ‘sta faccia di merda stanca
Ma che non riesco più a mettere a nudo

Mai, mai, mai
Non mi sveglierai-ai-ai
Nel cielo mi vedrai-ai-ai
Come Dragon-ite-ite-ite
Volevo, volevo lo giuro
Sullo specchio non vedo futuro, oh
Per sta faccia di m*rda stanca
Ma che non riesco più a mettere a nudo

Correlato:

  • Leggi l’Anatomia di Vero, il disco di Guè Pequeno;
  • Scopri le ultime uscite del rap italiano e internazionale cliccando qui.
Commenti