La notizia arriva tramite un lungo post sulla loro pagina Facebook: Stokka e MadBuddy si sono sciolti.

In una giornata autunnale uggiosa, grigia, è arrivata questa notizia a portare ancora più malinconia nella testa di numerosi amanti della musica rap: Stokka e MadBuddy si sono sciolti e non ci saranno più dischi o progetti con il loro nome assieme.

Alle 14:00 di giovedì 11 ottobre è stato pubblicato su Facebook un post in cui raccontavano ai fan che “dopo più di 20 anni di collaborazione abbiamo deciso di mettere un punto al progetto Stokka & MadBuddy“. Vent’anni di rap unico, fatto con passione, introspezione e uno stile di scrittura quasi unico, che li ha portati a dar vita ad album che hanno fatto storia come La Cura Del Microfono e Block Notes. Come non dimenticare poi la bellissima Ghettoblaster, una sorta di inno generazionale per le teste hip-hop contenuto nella pietra miliare 60 Hz prodotta Dj Shocca, con cui hanno condiviso numerosi palchi portando alto il nome di Unlimited Struggle.

Come hanno scritto nel suddetto post, i due rapper palermitani ci hanno pensato su parecchio tempo, arrivando infine alla decisione che “come gruppo si è detto tutto quello che c’era da dire“. Quattro album ufficiali, un EP e svariate collaborazioni hanno reso Stokka e MadBuddy due degli MC più amati da chi ha vissuto a pieno la prima decade dei 2000 e il fatto che non ci sarà più la possibilità di vederli assieme in un disco, non può che portare dispiacere ma al contempo gratitudine nei loro confronti, per tutto quello che hanno fatto.

Dopo Block Notes, tuttavia, qualcosa deve essere cambiato: i fan hanno aspettato per diversi anni qualcosa di nuovo, fino al 2012 quando uscì ByPass, un disco bello ricco con all’interno tracce memorabili come Gold, Centouno, Linee e Ho Fame, impreziosita dalle collaborazioni degli amici Ensi e Johnny Marsiglia.

Due anni dopo arriva anche Struggle Radio, un EP che faceva pensare ad una presenza più costante dei due MC nel rap game, una presenza che, in una scena sempre più sotto gli occhi di riflettori e con le correlate conseguenze positive e negative, non poteva che far bene a chi, come loro, ha abbracciato i valori dell’hip-hop.

Purtroppo così non è stato e in questa giornata autunnale uggiosa arriva sui social network la notizia che Stokka e MadBuddy si sono sciolti. Potevano, però, salutarci senza calcare ancora una volta un palco assieme? Fortunatamente no e, così, nel 2019 partirà il loro ultimo tour che verrà impreziosito, in aggiunta, da “un altro piccolo regalo” ancora top secret. Noi fortunatamente abbiamo avuto l’occasione di vederli dal vivo diverse volte e non ne siamo mai andati via delusi: se voi ancora non l’avete fatto, non perdetevi questa occasione l’anno prossimo, uno duo hip-hop italiano come loro difficilmente lo rivedremo a breve tra noi.

Grazie Tasters, ci si vede nel 2019!

Commenti