La drill di Tedua in Don’t Panic: guarda il video!

Tedua Don't panic

“Attenzione non si tratta di un EP o mixtape. Mi piace definirlo per ciò che è: un mash-up di strofe, troppo forti per restare nel computer e troppo freestyle per finire nell’album.” Afferma su Instagram.

Tedua presenta così il suo nuovo progetto, Don’t Panic. Sette mini tracce che ci accompagneranno in attesa di La Divina commedia, il prossimo album ufficiale del rapper genovese. Un lavoro fresco e carico di energia che conferma ancora una volta la voglia di mettersi in gioco dell’ormai affermatissimo rapper classe ’94.

Don’t Panic: Tedua fuori con un video su YouTube e domani sule piattaforme digitali

Un microfono, un fuoco ardente in background e rime taglienti, dirette, vere: inizia così Don’t panic, per la precisione Inferno, la prima traccia del nuovo progetto targato Tedua, che come spiegato sui social dal rapper stesso, non può essere etichettato in nessun modo.

Energia, attitudine Hip Hop e un flow come sempre coinvolgente sono gli elementi che contraddistinguono le sette mini tracce in questione. Le produzioni eccellenti targate Sick Luke, Chris Nolan, Garelli e Shune accompagnano le storie ed i pensieri di Tedua, legato indissolubilmente alla propria storia e alla sua famiglia.

Quello di Tedua è definibile come una sorta di “Back in the days“, un voler rimarcare le proprie origini, sia dal punto di vista contenutistico che stilistico. Sebbene lo scenario del video cambi ad ogni traccia, ciò che resta è il microfono, lo strumento che ha permesso al ragazzo nato e cresciuto a Genova di esprimere se stesso e diventare uomo, reinventandosi con uno stile unico ai tempi  che lo ha fatto arrivare fino a qua.

Nonostante l’evidente evoluzione più che evidente, Don’t Panic di Tedua è una vera e propria chicca che farà sicuramente piacere ai fan storici che hanno avuto modo di conoscerlo attraverso i primissimi progetti: Aspettando Orange County ed Orange County.

Un ritorno coi fiocchi in attesa di un album ufficiale che si preannuncia esplosivo.

Commenti