Chiky Realeza: l’italo-cileno è pronto!

Chiky Realeza

Yuri Pedro Alejandro Ramos Hidalgo aka Chiky Realezamè ormai un volto noto e molto rispettato nel quartiere romano di Ostia Lido, dov’è cresciuto da madre cagliaritana e padre cileno.

Da lui eredita lo spirito rivoluzionario che ispira tutti i veri sud-americani, la cosiddetta “garra charrua“.

Chiky Realeza dai singoli a un promettente EP

Proprio la rabbia, l’impegno, la determinazione, il sacrificio e l’intensità sono caratteristiche presenti all’ordine del giorno in casa Realeza. Grazie ad esse, il suo flow unico è contraddistinto da punchline ironiche e allo stesso tempo sfrontate, dove con estrema facilità alterna l’italiano allo spagnolo, ciò che lui battezza come itañolo.

Viene da un periodo buio dov’era in carcere prima e in arresto domiciliare poi, quando poi viene chiamato da Zinghero, colui che può essere considerato il suo padre-mentore musicale e da Akira Beats a formare la Neter sound, una vera e propria etichetta indipendente.

La ciliegina sulla torta è il film-documentario Punta Sacra, dove lo storyteller italo-cileno reinterpreta la sua vita nel suggestivo ambiente dell’idroscalo di Ostia Lido che divide il Tevere dal mare, con Essere se stesso come colonna sonora, forse il brano che più lo rappresenta.

È in questo periodo di piena pandemia che lo stesso Chiky Realeza pubblica un numero esorbitante di brani: più di venti pezzi, tra cui l’ultimo capitolo della saga Corazòn y mente, diventata conosciuta a un pubblico sempre più ampio.

A conferma di tutto ciò è in dirittura d’arrivo il suo nuovo EP, con due i singoli già anticipati pubblicamente: il primo Artisti di strada con la collaborazione dell’amico e artista di fama internazionale Moses Concas e il secondo insieme ad un volto già confermato nella scena italiana, L’Elfo, con quel banger H.D.P. pubblicato il 28 ottobre con annesso videoclip.

Chiky è veramente pronto a prendersi tutto ciò che merita? Noi abbiamo già una mezza risposta: YA TU SABES!