Chicoria è tornato con il secondo capitolo del suo album del 2014: fuori ora Servizio Funebre 2.

Servizio Funebre 2 è il titolo del nuovo album di Chicoria, fuori ora. Armando Sciotto, questo è il suo nome, ha fatto la storia del rap italiano, come fondatore degli In The Panchine e in seguito come membro del Truceklan. Gli anni passano, “i soldi uccidono, la crew muore da sola” potremmo dire per citare Noyz Narcos.

Nonostante tutto, Chicoria continua a restare un caposaldo della scena e la pubblicazione di questo nuovo album ne è la prova. Il disco esce quasi 5 anni dopo Lettere. Nel frattempo la scena è cambiata e si è evoluta, ma Chicora continua a mantenere il suo stile, unico ed inimitabile. Il che lo rende, per i rapper più giovani, un punto di riferimento.

All’interno del disco troviamo numerosi featuring, soprattutto di artisti della nuova scuola. Compaiono infatti Brenno Itani, Barracano, Massimo Pericolo, Pooccio Carogna, In Arte Gibilterra, Franco126, Ugo Borghetti e Pablo.

La scelta degli MC che affiancano Chicoria in questo secondo capitolo di Servizio Funebre, che non sembra per nulla casuale. Quasi tutti condividono qualcosa con il rapper di Cliente su Cliente. Brenno condivide il passato musicale in Smuggler’s Bazar; Massimo Pericolo la reclusione e l’odio per le forze dell’ordine; Barracano l’attitudine hardcore; Pooccio il passato in Truceklan; Franco 126 la cittadinanza e la poesia dei versi; Ugo Borghetti il modo di rappare.

Le 11 tracce sono prodotte da Depha Beat, che aveva prodotto anche la maggior parte dei beat del precedente Servizio Funebre e Devote. 8 e 3 tracce rispettivamente. Crookers figura come producer aggiuntivo nella traccia Infamia. Il sassofonista Adalberto Baldini (il padre di Ketama 126) invece arricchisce il beat di Passion Fruit.

La cover è realizzata da Stefania Stefs, autrice di una copertina hardcore, originale e rappresentativa del progetto.

Voi lo avete già acquistato Servizio Funebre 2 di Chicoria? È ordinabile da questo link oppure su tutte le piattaforme digitali. Fateci sapere cosa e pensate!

Commenti