Il rapper newyorchese Marlon Craft ha iniziato nel migliore dei modi il suo 2021, annunciando un nuovo album e rilasciando il singolo At The Door.

At The Door è il nuovo – e bellissimo – singolo di Marlon Craft. Quando nel 2018 abbiamo chiesto a Marco Polo di consigliarci due giovani promesse con cui stava lavorando, il producer newyorchese ci propose due nomi: Jay Lonzo e Marlon Craft. Quest’ultimo incarna tutto lo spirito della Grande Mela, come testimoniano il suo amore per il freestyle sui grandi classici dell’hip-hop, i beat pregni di jazz sui quali solitamente scrive ed – infine – la sua continua ricerca di un liricismo sempre più introspettivo. Quando Polo ce lo consigliò Craft aveva all’attivo soltanto dei progetti minori, mentre nel 2019 ha fatto il suo debutto ufficiale con l’album Funhouse Mirror.

L’anno scorso il rapper ha invece rilasciato un EP scritto interamente in quarantena (Working Home) ed una serie di singoli che ci preparassero ad un qualcosa di più concreto. Il suo 2021 è iniziato infatti con At The Door, che annuncia anche l’uscita del suo sophmore album How We Intended, previsto per il mese di febbraio. Su un loop malinconico di Arbus – producer con cui ha lavorato all’EP precedente – Craft riflette sul suo percorso tirando in causa la sua sensibilità, che è anche la sua debolezza, costruendo due strofe dove gli interrogativi si susseguono barra dopo barra: sulla necessità di cambiare aria, sull’efficacia del suo percorso e su quanto sia importante ritrovare il giusto equilibrio mentale per raggiungere i suoi obiettivi.

“I’m in a land where everything gotta be a means to an end
Which you get to pick first? The means or the end?”

Siamo sicuri che How to Ended svilupperà ulteriormente la scrittura e gli argomenti del giovanissimo rapper, che nella sua bio di Genius si descrive come un misto tra l’appeal di Logic, l’anima street di Joey Badass e la sofisticatezza di J.Cole. Chissà se questo album potrà aiutarlo a raggiungere un livello simile!

Nel frattempo, ti consigliamo di ascoltare At The Door qui:

 

Commenti