Il 31 dicembre 2020 l’annuncio della moglie: MF DOOM è morto, il 31 ottobre.

A cinque anni dall’addio a Primo Brown, ci ritroviamo ancora una volta ad iniziare l’anno nuovo con un tragico lutto nel mondo dell’hip hop mondiale: MF DOOM, uno dei rapper riconosciuti come tra i più influenti della storia, è morto all’età di 49 anni.

Ad annunciarlo è stata la moglie, con un post sulla pagina Instagram del nativo di Londra, ma cresciuto a NY, poche ore prima che terminasse questo 2020 sempre più nero. Colpisce anche la frase con cui conclude il messaggio, con cui rivela come Daniel Dumile – questo il suo vero nome – ci abbia lasciati esattamente due mesi prima, il 31 ottobre.

Queste le sue parole:

“Inizio tutto rendendo grazie a TUTTI!

A Dumile

Il miglior marito, padre, insegnante, studente, socio in affari, amante e amico che potessi chiedere. Grazie per tutte le cose che hai mostrato, insegnato e dato a me, ai nostri figli e alla nostra famiglia. Grazie per avermi insegnato come perdonare gli esseri umani e darmi un’altra possibilità, per non essere così veloce nel giudicare e considerare irrecuperabile qualcosa. Grazie per aver mostrato come non aver paura di amare ed essere la persona migliore che potrei mai essere. Il mio mondo non sarà più lo stesso senza di te. Le parole non esprimeranno mai ciò che tu e Malachi significate per me, amo entrambi e vi adoro sempre. Possano TUTTI continuare a benedire te, la nostra famiglia e il pianeta.

Tutto il mio amore
Jasmine

Passato a miglior vita il 31 ottobre 2020″

Nel messaggio, la moglie di MF DOOM nomina anche King Malachi Ezekiel Dumile, il loro figlio morto nel dicembre 2017, all’età di soli 14 anni. Le cause sono ancora sconosciute – così come quelle del padre – a testimonianza di come l’intera famiglia sia da sempre molto riservata.

Così, dopo due mesi esatti, tutti i fan e colleghi di MF DOOM sono venuti a conoscenza della sua prematura morte avvenuta nel giorno di Halloween. Una coincidenza assurda, come fatto notare da Statik Selektah:

“Com’è ironico che il ragazzo, che indossa la maschera come personaggio per la maggior parte della sua vita, sia morto ad HALLOWEEN nell’anno in cui tutti dovevamo indossare maschere …. smh Rest In Peace MF DOOM.”

Personalmente, non ho mai avuto modo di ascoltare in maniera attenta e approfondita la sua ricchissima discografia fatta di album e progetti sia da solista che in compagnia di altrettanto forti colleghi, come Madlib (storico il disco Madvillainy) e Westside Gunn, sia da rapper che da producer. Mea culpa, cercherò di rimediare non appena possibile. Per questo motivo eviterò di raccontarvi qualcosa su di lui dato che sicuramente, in USA, troverete delle fonti migliori rispetto a quella del sottoscritto.

Fin da subito tantissimi colleghi hanno commemorato la sua scomparsa, compreso Flying Lotus, il quale ha dichiarato che stava lavorando con DOOM a un EP di inediti:

“Odio dirlo, ma in realtà stavamo lavorando a un EP. C’erano altre canzoni che non avevo nemmeno sentito.”

Non ci è dato sapere se qualcuno di questi brani, o di altri presumibili progetti su cui stava mettendo mano, avremo la possibilità, in qualche modo, di sentirli nei prossimi anni. Fatto sta che questo tragico 2020 ci ha portato via anche DOOM, l’ennesima grande perdita della scena hip hop mondiale.

Recuperiamo la sua musica, a partire da quel capolavoro intitolato Operation Doomsday.

Riposa in pace, MF DOOM.

Commenti