Scena Unita è il nome del fondo speciale istituito per i lavoratori del mondo dello spettacolo: da un’idea di Fedez.

Poche settimane fa tramite alcune stories di Instagram, Fedez annunciava una breve pausa dai suoi social per provare a realizzare qualcosa di concreto in sostegno dei lavoratori nel mondo dello spettacolo. L’idea – che aveva già anticipato – era quella di istituire un fondo speciale per tutti coloro che sono impossibilitati a lavorare in questo periodo per via dello stop totale al settore: quell’idea oggi è realtà ed ha anche un nome (molto bello). “Scena Unita” è il fondo istituito da 72 artisti (per adesso) ed altrettanti brand – come Amazon Prime Video, Fendi e Intesa San Paolo – i quali hanno donato in prima persona sino a raccogliere la cifra di 2.000.000. di euro.

Tra gli artisti con una matrice urban che hanno partecipato alla raccolta troviamo: Achille Lauro, Beba, Boro Boro, Coez, Dargen D’Amico, Dj Slait, Ernia, Gemitaiz, Ghali, Hell Raton, J-Ax, Jack The Smoker, Lazza, Leon Faun, Low Kidd, Madame, MadMan, Mezzosangue, Nayt, Nitro, Priestess, Rose Villain, Shade, Tha Supreme, Vegas Jones e Young Miles. 

In questo caso è bello poter mettere da parte qualsiasi tipo di commento e/o opinione sulla musica degli artisti in questione, per lasciar spazio al bel gesto – quasi necessario – che tutti hanno fatto in nome del proprio lavoro. La musica non è soltanto un riproduttore di Spotify ma è molto di più: per far sì che noi pubblico possiamo goderne a pieno è necessaria la presenza di centinaia di migliaia di lavoratori, che da un po’ di tempo a questa parte si sono visti preclusi ogni possibilità.

In ogni caso, il fondo Scena Unita rimane aperto alle collaborazioni di tutti gli artisti che hanno voglia di contribuire, in modo da incrementare ulteriormente la somma ottenuta.

Clicca QUI per partecipare alla donazione da esterno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez)

Commenti