Testo di Over 2,5 di Vaz Tè, Tedua e Rkomi.

Per ascoltare il testo di Over 2,5 di Vaz Tè, Tedua e Rkomi o acquistare il brano clicca qui.

Prendo l’X della Lazio
Passo con il diciotto, fra non mi ricordo già un cazzo
Sogno vie di fuga laterali dentro il palazzo
Prendo due dello Shakthar
L’over due e mezzo del Classico in Spagna
Domani cerco un vero lavoretto
E da sabato in poi anche una brava ragazza
Se vinco oggi, stasera la porto a Varazze
Non si può mai sapere con quel porco di Vaz Tè
Ho ricordo di facce che si credevano, non c’è mai stata pace
Dai si vedeva
Solo sì per te fra, sì per drema, se ti interessa
Rimo con Mario, non Mauro Icardi
Quando ti appaio alla Diagon Alley
Non è il momento di stare in sbatti
Non uso il metodo Stanislavskij
Questa è City of God, no indie rock,
Devil May Cry
Open shop, twentyfour
Polizia, live

Credimi, non servirà avere quei bastardi che ci circondano
Un fra fa lo shooter in scooter
Photo shooting in tuta
Ma pensi che un palazzo cada a pezzi
Ed il comune se ne fotterà
Un senso inverso preso con il senno di poi rafforzerà

Ted Ryan, la testa per aria
Aeroporto Okinawa
Appaia una donna che ci raddrizzi la strada
I miei fra sono rocce
E pietra lavica non la si lava

Sembra si sbatta solo lei
Sembra lavori solo lei
Usciamo e parla solo lei
La chiamo e parla solo lei
Vermi strisciano al mio fianco
Mentre tasto il terreno, ta-tasto il terreno
Si attacchino al turno fino all’ultima goccia
E che sia l’ultima volta
Oggi Milano è meno grigia
Palmaro è un po’ meno lontana
Non sai chi sei e vuoi dare un nome a ciò che siamo
È come rovinarsi il film in fila
Io una squadra ce l’ho già, bae
E una p*ttana ce l’ho già, bae
Dalle popo alla tua porta in così poco
Da non bussare neanche, non bussare neanche
Ma ma ma a mamma non importava
A lei bastava un sorriso per cena
Pare il soffitto stia cadendomi addosso
E ho un’armatura di plastica, pessima idea
Vuoi la mia penna? Ti sistemi per la vita
La mia testa appesa a un filo fino a fine disco
Scendiamo armati, Pulp Fiction
Non do uno sguardo verso il basso, perdo l’equilibrio

Credimi, non servirà avere quei bastardi che ci circondano
Un fra fa lo shooter in scooter
Photo shooting in tuta
Ma pensi che un palazzo cada a pezzi
Ed il comune se ne fotterà
Un senso inverso preso con il senno di poi rafforzerà

Ted Ryan, la testa per aria
Aeroporto Okinawa
Appaia una donna che ci raddrizzi la strada
Ai miei fra’, sono rocce
E pietra lavica non la si lava

Correlato:

  • Scopri le ultime uscite del rap italiano e internazionale cliccando qui.
Commenti