Testo di Mister di Jack The Smoker, Jake La Furia e Lazza.

Per ascoltare il testo di Mister di Jack The Smoker, Jake La Furia e Lazza o acquistare il brano clicca qui.

Mob, Mob
Brrr, yea, yea

Faccio a botte nel mondo dei forti
Dentro il fango col cuore corrotto
Prima bimbi che giocano sporchi
Ora adulti che giocano sporco
Preso male quando il soldo manca
Però non invidio dove abbonda
Tu che odi chi rapina in banca
Io che odio solo chi le fonda
Penso che l’amore al giorno d’oggi costa troppo
Almeno il doppio che scoparla
Questa giuro che non la sopporto
Parla troppo pure quando esco, parla
Lei mi ha detto che non sono
Un vero uomo di valore, ma uno spezzi cuori
Forse perché non son tipo da televisione
Porta la monnezza fuori
Fermategli la svolta, ma muori
Gente sembra già morte da fuori
Sogno un colpo su un portavalori
Bestie fuori, quale mini
Non c’è amore né eroismo
Il mondo è fatto a mattoncini
Si regge con l’egoismo
Questo tira come nella porta
Poi strappar la lingua bella sciolta
So che per avere un po’ di fama
Metterebbe anche la lingua nella sciolta
L’ego cerca la sua svolta
Una vita da favola ma non è Disney
È qua senza trucco come Kiss ehi
Non ti riconosco e dico “chi sei?”

Chi sei? Non è un mistake
Se c’è il nome mio
Non il nome tuo sopra al display
Mister
La mia crew se vuole fa due platini
Con un mixtape
Mette sotto i tuoi con un X6

Chi sei? Non è un mistake
Se c’è il nome mio
Non il nome tuo sopra al display
Mister
La mia crew se vuole fa due platini
Con un mixtape
Mette sotto i tuoi con un X6

Ah, vengo dalla terra dell’abbastanza
I tempi del crack della banca
Menomale che ancora su cucinare
So fare il crack dalla bamba
Fondere i platini
Vecchi campioni, Maradona e Platini
Sento che dici che sai stare in strada
Dipende la strada in cui capiti
Taglia meglio chi taglia per primo
Non è scritto sul Bushido
Vallo a dire a mio fratello
Che fuma Marlboro e sconta un omicidio
Non chiamarci “gang”, non chiamarci “collettivo”
Io le cose, non le scrivo
Io non parlo dell’iPhone
Frate io la sera non pulisco il distintivo
Venti pacchi dentro una portiera
Macchine prendono fuoco in un campo
Particolati dentro l’atmosfera
Qui respiriamo boccate di cancro
A Milano c’abbiamo le branchie
Gonfiamo fumo nelle guance, uh
A piedi nudi se ti rompo il naso
Fra perché ho le Jordan tutte bianche, yea

Chi sei? Non è un mistake
Se c’è il nome mio
Non il nome tuo sopra al display
Mister
La mia crew se vuole fa due platini
Con un mixtape
Mette sotto i tuoi con un X6

Chi sei? Non è un mistake
Se c’è il nome mio
Non il nome tuo sopra al display
Mister
La mia crew se vuole fa due platini
Con un mixtape
Mette sotto i tuoi con un X6

Ho dieci tr*ie nel DM
Pensa se una mi sgama
Tu sembri il bambino col pigiama a righe
Lei fa due righe anche in pigiama
Mama, sai che mi hai fatto più duro del marmo
Tutto il contrario, guarda
Zzala che ride sul muro del pianto, uuh
Audi, ho quattro anelli sopra le mie mani
Tu hai le collane, ma comprati casa
O sotto la pioggia come ti ripari?
Soldi in tasca, frate fanno il pogo
Zzala è per la gente come i Dogo
Porta una corda, porto lo sgabello
A casa ho un bordello, frate come i …
Qua li chiudo con un dito
Tipo una tastiera QWERTY
Lei dice “sei il mio preferito”
Io spero che stasera twerki
Non voglio star qui al mio tavolo
Siamo più bestie dell’arca di Noè
Scordati chiacchiere e buone maniere
Poi faccio arrivare una barca di Moët, brrr

Chi sei? Non è un mistake
Se c’è il nome mio
Non il nome tuo sopra al display
Mister
La mia crew se vuole fa due platini
Con un mixtape
Mette sotto i tuoi con un X6

Chi sei? Non è un mistake
Se c’è il nome mio
Non il nome tuo sopra al display
Mister
La mia crew se vuole fa due platini
Con un mixtape
Mette sotto i tuoi con un X6

Correlato:

  • Scopri le ultime uscite del rap italiano e internazionale cliccando qui.
Commenti