Inoki ha pubblicato Nomade, il suo secondo singolo di questo 2020, che ci racconta della sua voglia di cambiare.

Faccio subito mea culpa: personalmente non sono mai stato un grande fan di Inoki. Per quanto abbia sempre riconosciuto le sue abilità al microfono e il peso specifico che ha avuto nella storia dell’Hip Hop italiano, ho sempre visto il suo atteggiamento come una barriera tra l’ascoltatore e la sua musica.

In questo 2020, invece, l’approccio del rapper bolognese è completamente cambiato e questo ha fatto sì che anche i più scettici come me si ricredessero sul suo conto. I due singoli usciti, Trema e Nomade, ne sono la conferma.

Ascolta qui Nomade, il nuovo singolo di Inoki.

“Nomade perché ho perso il conto dei posti dove ho abitato.
Nomade perché ho vissuto nelle case occupate, nelle case in comune e nelle case del comune, nelle case “normali”, nelle case mobili, nei condomini e nelle ville.
Nomade perché non ho mai avuto paura di cambiare.
Nomade perché sono nato in un posto e sono cresciuto in degli altri, sempre pronto a scoprire nuove persone, nuove culture.
Nomade perché non ho radici sulla mappa.”

Con queste parole, attraverso il suo account Instagram, Inoki ha annunciato l’uscita di Nomade. La traccia, prodotta dal giovane producer Chryverde, racconta esattamente chi è Inoki e qual è la sua storia utilizzando delle sonorità trap su cui l’MC di adozione bolognese dà la sensazione di destreggiarsi senza problemi.  Se la svolta del suono era già percepibile dal primo singolo Trema, in quest’ultimo è piuttosto evidente. Inoki cambia pur restando sempre sé stesso. Cambia nell’accezione più positiva del termine, mantenendo fede ai suoi ideali e a ciò che lo rende riconoscibile all’interno della scena, ma senza alcun timore di “prendere e distruggere sta wave“.

Se questo cambiamento è avvenuto è proprio per via dell’atteggiamento che sta alla base di Fabiano. Mentre negli ultimi anni sembrava essere in grado di attirare l’attenzione solo attraverso dissing e provocazioni ai colleghi, ora il focus si è spostato sulla qualità della musica e su un approccio mentale indubbiamente costruttivo.

Ulteriore dimostrazione di ciò è la partecipazione come ospite nell’ultima puntata di Muschio Selvaggio (il podcast di Fedez, Luis Sal e Martin). All’intero della puntata avviene quello che molti di noi vorrebbero veder accadere più spesso: una sana discussione sulla cultura Hip Hop tra due persone con punti di vista differenti, in questo caso Inoki e Fedez.

Fedez, come Inoki, sembra aver riacquisito un atteggiamento positivo nell’ultimo periodo, forse proprio grazie alla libertà concessagli dal suo podcast. Anche in questo caso l’atteggiamento si riflette nella musica e la sua ultima uscita Problemi Con Tutti (Giuda) è sinonimo di maggiore autenticità, aldilà dei gusti personali di ognuno.

La quarantena, dunque, sembra portare degli effetti positivi. E il fatto che arrivino segnali di questo tipo da artisti che sono, in un certo senso, agli antipodi è incoraggiante. Tutto ciò lascia ben sperare per un futuro dove la musica torni a essere protagonista.

Correlato:

  • Clicca QUI per leggere il testo di Nomade di Inoki.
Commenti
blank
Scrivere è il mio modo di parlare senza essere interrotto. Per il resto del tempo ascolto. Soprattutto rap.