Testo di Trip di Nicola Siciliano e Nayt.

Per ascoltare il testo di Trip di Nicola Siciliano e Nayt o acquistare il brano clicca qui.

Teng e trip nda cervell’
Ragg’ e tarantell’
Cadillacc ngap
Oh my God, i’m fine
Ogg’ stamm a zer’
Riman po’ è peggij
A cap’ galleggij
Ma m’ sent’ pers’
Ah uh, ah uh
Ma m’ sent’ pers’
Ah uh, ah uh
Ma m’ sent’ pers’
Ah uh, ah uh
Ma m’ sent’ pers’
Ah uh, ah uh
Ma m’ sent’ pers’

Cas’ e chies’, ca’ cas’ è galer
Stamm e cas ind’ ‘e Favelas
Chil’ e flow rind ‘o sacchett’
Mo’ fann’ tutt’ quant’ “gang”, fra
Ca’ tnimm ‘a fam’, fra’, stima a tutta ‘a scen’
Chest è tutta scem’
Trip nda cervell’ e facc for a un’ a un’
Cart’ e 100 ind o cassett’ quann o suonn nun er un’
Appill e recchij a ‘stu success, n’adda sntì a niscun
Trapp’ comm e ‘nu marzian’, Napol’ 51
Vec, po’ fumm’, scumpar’ nda nient’, l’anim’ a vapor’, tempura
Nu teng frat’ che fann ‘sta vit, ma chius rind a quatt’ mura
A sti rapper pigliat a pumat’, fra’, c’a bruc’ nu poc’ o cul’
Vogl’ fa’ ben’ nu poc’ a ‘tt quant’, pecché sacc comm’ è ndo scur’
Mo che m’assett a ‘na tavol, circondat ra chi n’er nisciun
Quand’ po’ crisc t mbar a capì a sij staj ben cu lat o sul’
L’ultimo banc’ scrivev’ poesie, a stent sient e prufussur
Mo’ scriv’ ‘na strof’ che tocc e miliun, rimm comm’è professò

Teng e trip nda cervell’
Ragg’ e tarantell’
Cadillacc ngap
Oh my God, i’m fine
Ogg’ stamm a zer’
Riman po’ è peggij
A cap’ galleggij
Ma m’ sent’ pers’
Ah uh, ah uh
Ma m’ sent’ pers’
Ah uh, ah uh
Ma m’ sent’ pers’
Ah uh, ah uh
Ma m’ sent’ pers’
Ah uh, ah uh
Ma m’ sent’ pers’

Sono già perso, giorno di paga
Sai che mi scoccio, parlano tutti
Vedi il successo, è lavoro di squadra
Io te l’appoggio, tu me lo succhi
Sto in un albergo, sono già fuso
Suonerò al chiuso, suono all’aperto
La differenza fra un party e una cena
Sei in cameretta, fra a farti una sega
Anche da piccoletto, fra non ti vedo proprio
Mia ma’ dice almeno quando rappo di restar sobrio
Mo c’ho un mitra sul sedile ed una tigre nel cofano
Volevano anche pagarmi per non dire, che cosa?
Con i New Era prendevo la metro, fissavano come uno scemo
Ripenso a quelli, prima mi dissavano, fra uno spettacolo osceno
Anche quello che ho distrutto mi chiama perché vuole essere mio allievo
Dalla metro ai meglio palchi d’Italia, mo mi guardi come un alieno
Scusa quando arrivo sono sberle che partono
Lividi su pelle che macchiano
Voce che è stanca, tiro fuori le palle che mancano
Mi vedono in strada la cambiano
Vedi i tuo fra’ un po’ in un angolo, un po’ su un albero
Un po’ che piangono, moriranno
Bro sei in ritardo, non ci rimango qui
Volo in alto, che trip

Teng e trip nda cervell’, ragg’ e tarantell’
Cadillacc ngap, oh my God, i’m fine
Ogg’ stamm a zer’, riman po’ è peggij
A cap’ galleggij, ma m’ sent’ pers’
Ah-uh, ah-uh, ma m’ sent’ pers’
Ah-uh, ah-uh, ma m’ sent’ pers’
Ah-uh, ah-uh, ma m’ sent’ pers’
Ah-uh, ah-uh, ma m’ sent’ pers’

Correlato:

  • Scopri le ultime uscite del rap italiano e internazionale cliccando qui.

Fonte: Genius.com

Commenti