A 3 anni dall’uscita di Album, Ghali è tornato con un nuovo album, DNA.

Era maggio del 2017 quando Ghali fece uscire Album, il suo primo disco da solista interamente prodotto da Charlie Charles e destinato a conquistare irreversibilmente il pubblico italiano.

Ricordo perfettamente il periodo dell’ascesa di Ghali: ricordo quando lo ascoltai la prima volta dal vivo, per caso, ad un concerto di Salmo. Ricordo questo tipo strano che si era accaparrato una fetta enorme di ascoltatori quindicenni con pezzi tipo Marijuana e C*zzo mene, ricordo il pubblico diviso a metà fra chi lo insultava e chi, dopo solo poche canzoni, era diventato dipendente dalla sua musica. Io sono una fra tantissime persone che ci ha messo un po’ a capirlo, che forse ancora oggi non sa spiegare a se stessa qual è l’ingrediente magico della musica di Ghali che crea assuefazione.

ghalisto

Personalmente, le atmosfere dei beat di Album a me oggi suonano fresche come se Charlie Charles le avesse appena sfornate, perciò davvero non avevo idea di che cosa aspettarmi dal nuovo album di Ghali, DNA. Essendo il disco uscito solo ieri a mezzanotte ho avuto modo di dare solo un ascolto veloce e superficiale a tutte e 15 le tracce, ma ormai conosco l’effetto che Ghali ha su di me e so che prima di capire interamente se un pezzo lo odio, lo amo alla follia o mi è indifferente mi ci vogliono circa una quarantina di ascolti, e forse va bene così.

A differenza di Album, che era il risultato omogeneo di una collaborazione a due fra Ghali e Charlie Charles, le produzioni di DNA sono estremamente variegate e ad ogni traccia risulta in qualche modo distante, musicalmente, da quella precedente. Tra i featuring troviamo Salmo, Tha Supreme, Mr. Eazi e Soolking; tra le produzioni Mace, Venerus, Sick Luke, Ava, Canova e molti altri.

Una cosa è certa, dall’essere il tipo strambo col cappelino e i dread che apre i concerti di Salmo e canta di essere verde, Ghali di strada ne ha fatta tanta e la sua musica insieme a lui. Nel mentre cerco di capire come mi sento a riguardo, vi auguro buon ascolto.

DNA è disponibile su Spotify:

Commenti