2020 Freestyle inaugura il nuovo anno di Tedua che – sul beat di So Sick di Ne-Yo – ha anche annunciato l’uscita di un nuovo album.

Solitamente è difficile rispettare i propositi che ci si auto-impone per il nuovo anno, colpa del tempo che logora o delle motivazioni che vengono a mancare. Sarebbe opportuno quindi prefiggersi degli obiettivi ben precisi e darsi un termine di tempo: è quello che ha fatto Tedua in 2020 Freestyle, nel quale oltre ad annunciare il nuovo album ha dato una vera e propria lezione di barre e di stile alla scena, che sembra aver accolto caldamente la sua ispirazione.

Sul beat storico della traccia di Ne-Yo, So Sick, l’artista genovese ha deciso di dare continuità all’Intro di Orange County, dalla quale riprende anche le barre iniziali: “Lo stiamo perdendo dottore, mio dio che facciamo“.  Il fatto che la traccia sia stata pubblicata esclusivamente sull’IGTV dello stesso artista non deve però creare l’equivoco che si tratti di una traccia fine a se stessa, da mettere in secondo piano.

2020 Freestyle è un manifesto, una vera e propria dichiarazione di intenti da parte di Tedua, che vuole conquistare questo nuovo anno col coltello tra i denti, ritagliandosi uno spazio personale che non vuole condividere con gli altri colleghi:

“Con tutto rispetto per i colleghi, ma evitiam paragoni, abbiamo ruoli differenti”.

Per chi segue da tempo Tedua, questo freestyle assume un valore importante, che dimostra la maturità lessicale raggiunta nel recente periodo, con parole pesate nel loro significato e nel loro significante, intrise di poesia, desiderio e malinconia. Lo si riscontra nei dettagli del freestyle, nelle rime dedicate alla sua Genova (Questa è l’epoca in cui Genova evoca talenti come Yugi coi pezzi di Exodia), alle amicizie interrotte (Litigare con Nader mi ha fatto male veder le strade divise e le divise entrare a perquisire) e al suo modo passionale di vivere la musica ( so che chiedete un rapper migliore io lo sarò faremo sia sesso che amore perché se mi baci o prendi a pugni per me è lo stesso sapore).

Neanche il tempo di iniziare, che questo 2020 ci regala già un buon presagio del suo futuro imminente, firmato direttamente da Tedua in persona, che sarà uno dei protagonisti principali.

Correlato:

  • Leggi il testo di 2020 Freestyle di Tedua cliccando qui.
Commenti
Ho 21 anni e mi nutro quotidianamente di questa musica. Preferisco gli autori profondi a quelli superficiali e sono fermamente convinto che il rap possa veramente tirare fuori le persone dalla m*rda.