Mamacita è il nuovo singolo di Tyga insieme a YG e Carlos Santana.

Mamacita è il nuovo singolo di Tyga insieme all’amico YG e alla leggenda della chitarra Carlos Santana. Il pezzo si inserisce nel filone degli ammiccamenti verso il pubblico latino, assolutamente consistente a Los Angeles (di cui sono nativi i due rapper). Capitolo precedente era stato Go Loko, brano di YG con Tyga e Jon Z in cui le sonorità e l’attitudine è esattamente la stessa.

Le percussioni delle basi del rap della West Coast, con chitarre che richiamano la musica sudamericana. L’atteggiamento gangsta che li rende disposti ad usare la violenza per avere quella donna per cui hanno perso la testa. Il brano punta ad essere un banger da club e in heavy rotation radiofonica. Il testo è banale ed elementare, con qualche riferimento – molto esplicito, senza più livelli di significato – alla cultura sudamericana. Il ritornello ben costruito, ripetitivo e coinvolgente.

“I can get you pink ice like it’s Easter
Tell your boyfriend Hasta La Vista
You can take a pic at the Mona Lisa
And I like a big butt like, go Onika
Me and YG, that’s the only feature
And she suck a nigga up when I say Eureka”

La strumentale è prodotta da Rvssian, uno dei producer più attivi nel mescolare sonorità rap e latine. Vedi Writing on the Wall di French Montana, Krippy Kush con Farruko e Bad Bunny, Pablo con Sfera Ebbasta. La base contiene un campione di Mamacita dei Public Announcement.

Carlos Santana, presente solo con la chitarra, ha un ruolo più vicino a quello dei due rapper poiché suona da solista facendo da bridge tra gli ultimi due ritornelli. Esperimento interessante che avvicina due mondi molto distanti, anche se può sembrare più un barocchismo superfluo che un arricchimento. In un singolo che aspira ad intrattenere l’ascoltatore senza troppe pretese appare più come un tentativo di creare un’attenzione mediatica maggiore intorno al brano, rendendolo interessante anche per testate che non “masticano” rap.

Qui il video ufficiale di Mamacita di Tyga, YG e Santana: buon ascolto e buona visione. Fateci sapere cosa ne pensate della collaborazione.

Commenti