Kathy Iandoli firma God Save The Queens, la prima storia del rap femminile.

Ci sono voluti quasi cinquant’anni, ma finalmente il rap femminile a stelle e strisce ha il proprio libro di riferimento. God Save The Queens esce oggi per la Harper Collins e proviene dalla penna di Kathy Iandoli, una giornalista americana di origini italiane.

L’autrice è abbastanza nota nel settore, avendo firmato articoli per Billboard, HipHopDX, Rolling Stone e The Source. Nel 2016 Kathy ha anche dato alle stampe un libro scritto a quattro mani con il compianto Prodigy (Commissary Kitchen: My Infamous Prison Cookbook).

God Save The Queens vuole soffermarsi sul contributo delle femcee, spesso trattate superficialmente dai “tradizionali” libri sulla musica rap. La storia prende avvio dai primi passi dell’hip-hop per poi passare alle prime MC che hanno scosso il gioco: tra tutte Roxanne Shanté.

In seguito, il libro si occupa delle pioniere degli anni ’80, come MC Lyte e Queen Latifah, e della scena di fine secolo parlando di icone del calibro di Lil Kim, Missy Elliott e Lauryn Hill. Il viaggio dell’autrice prosegue attraverso i primi ’00 per approdare infine al ciclone Nicki Minaj e alla nuova generazione di female rapper.

Per ora, God Save The Queens è disponibile soltanto in inglese, ma lo consigliamo vivamente a tutti coloro che desiderano conoscere pagine di storia spesso dimenticate. L’autrice ha firmato quella che è la prima storia del rap femminile, con l’intenzione di rendere giustizia a tutte quelle donne che hanno lasciato il segno.

Se volete acquistarne una copia, non vi resta che cliccare proprio QUI… buona lettura!

Commenti