La leggenda del rap newyorkese torna dopo quattro anni dal suo ultimo live a Milano: il 25 ottobre al Magnolia di Segrate suonerà Talib Kweli.

Il suo primo concerto a cui ho assistito e che ricordo con grande passione ed emozione, fu nel 2010 a Praga, lui si esibiva con il produttore Hi Tek. Insieme, dal 1996, diedero vita a I Reflection Eternal e portarono sul palco dell’Hip Hop Kemp un live da brivido. Avevano da poco pubblicato il loro secondo album, Revolutions per Minute, disco che confermò la loro chimica artistica, il lirismo consapevole, ma senza pretese di Talib, espresso con destrezza acrobatica sopra ai ritmi esagerati senza eguali e allo stile inconfondibile di Hi Tek.

Il rapper di Brooklyn, nei suoi vent’anni di carriera si è affermato come uno dei più grandi liricisti della East Coast, tanto da essere citato da Jay Z nel suo pezzo Moment of Clarity in The Black Album.

Un onore ma anche una sfida per Talib, che ha sempre continuato il suo percorso artistico senza scendere a compromessi, con un flow caratteristico e unico e dalle metriche e testi contaminati da innumerevoli metafore politiche e pervase da una vivida immaginazione.

A Milano mancava da ben quattro anni, l’ultima volta suonò al Leoncavallo, e quest’anno torna per portare sul palco del Magnolia, oltre ai suoi più grandi successi, anche I suoi brani tratti dai suoi ultimi progetti.

E come diceva in So Good:

“Ladies and gentlemen
This the soundtrack
Do not be alarmed
Don’t panic, be calm, yeah…”

Quindi, Signore e Signori, non allarmatevi, non fatevi prendere dal panico, state calmi, Talib Kweli sta finalmente tornando.

Ecco qui di seguito le info del concerto di Talib Kweli a Milano:

ORARIO:

Inizio: 22:00

Apertura: 21:00

BIGLIETTI:

Posto unico: € 20,00 + 3,00 d.d.p.

INGRESSO RISERVATO AI SOCI ARCI

Commenti
Nata l’11 settembre all’epicentro di un terremoto, Destinata in quel momento a buttar giù quello che trovo" cit. Mistaman Mi chiamo Elena, e abito a Monza, ma se per caso passate per Sesto potrete trovarmi tra le tag di qualche muro, come Exena. Cresciuta tra i palazzi e i parchetti della periferia milanese, con la voglia di uscire dagli schemi, di differenziarmi dalla moda del momento. Zaino in spalla e cuffie nelle orecchie, il bum bum cha ha sempre dato ritmo al mio passo, ai treni presi per raggiungere le più disparate jam e poter condividere sempre, con più persone possibili, questa mia grande passione: l'hip hop