Venerdì 20 settembre si è tenuta all’Alcatraz di Milano la finalissima delle gare più accese ed improvvisate di sempre: il Tecniche Perfette. Frenk si aggiudica il titolo di Campione italiano di freestyle del 2019.

È dal 2003, anno della primissima edizione del Tecniche Perfette, che non mi perdo una delle finali di questo importantissimo evento, fatto di battle, rap e soprattutto intrattenimento. Ho sempre pensato che fare freestyle sia un’arte d’eccezione, quel tipo di arte per cui non basta solamente il talento, ma serve tanto studio, esercitazione ma soprattutto una grandissima creatività ed espressività linguistica.

Ho sempre guardato questi contest con occhi pieni di stupore e ammirazione verso gli MC che si sfidavano a suon di rime, ma non solo: la parte più bella infatti, è che a questi eventi ci si fanno sempre delle grandissime risate, dal momento che i partecipanti si lasciano andare a commenti e frecciatine esilaranti senza censure.

Mastafive e Dj Double S, da ben XVI edizioni, portano avanti con grande professionalità e impegno questa manifestazione che non stanca mai, perché il rap nudo e crudo proviene proprio da questa disciplina. A presentare la serata, assieme al padrone di casa Mastafive, c’era uno dei più importanti esponenti di questa cultura, che ha portato il freestyle a livelli altissimi: sto parlando di Mirko Kiave, che grazie alla sua esperienza e alla sua abilità nello stare sul palco, ha dato un valore aggiunto alla serata.

I finalisti che hanno raggiunto l’ultimo step di questa competizione, sono sedici: Tullo, Gabs, Dottore, Drimer, Frenk, Hydra, Keso, Resto, Grizly, Bruno Bug, Debbit, Entropia, Volpe Rossa, Redrum, T Rabbia e Shame.

Solo uno di loro però sarà il miglior freestyler dell’anno, e il 2019 vede come vincitore Frenk, freestyler e MC bolognese, che ha sbaragliato la concorrenza, conquistando la fiducia e il benestare sia della giuria, sia del pubblico.

La giuria chiamata a decretare il vincitore del Tecniche Perfette 2019 è composta da nomi di prestigio: troviamo infatti Nitro, Esa, MauryB, ClaverGold, Kenzie, Emis Killa, vincitore della V edizione del 2007, Clementino, vincitore della seconda edizione del 2004, assieme ai vincitori delle ultime edizioni del tecniche: Shekkero, Reiven, Morbo e Blnk.

L’Alcatraz pian piano si riempie e la folla inizia ad urlare e ad esultare alla fine di ogni battle. La serata inizia a prendere fuoco e la giuria sembra essere molto esaltata, partecipando attivamente ad ogni performance degli MC in gara e dando sempre degli ottimi feedback, complimentandosi anche con chi purtroppo non passa il turno.

ll Tecniche Perfette trasuda di passione ed emana quello spirito hip hop che, in questo periodo storico, sembra sempre più mancare. Molti dei rapper più forti della scena sono passati di lì, hanno calcato questo palco che ha il dono di battezzare grandissimi artisti che hanno fatto la storia e tutt’oggi la rappresentano.

Facciamo I nostri complimenti e un in bocca al lupo a Frenk, che da oggi rappresenterà questa disciplina tanto speciale e importante, e finché verrà portata avanti con cuore e passione continuerà a scaldarci l’animo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Questo venerdì sono riuscito a trionfare nella finalissima del #tecnicheperfette in finale con quel mostro di @hydra_aka_sbrellz. L affluenza di persone all’alcatraz e stata la prova che stiamo creando qualcosa di interessante e che non ci fermeremo assolutamente, questi risultati non sono per noi un punto di arrivo ma una spinta sull acceleratore e puntiamo con @freestyleeliteagency di portare in Italia il FREESTYLE a un livello professionale e alla qualità di uno show degno di essere definiti artisti. Nella foto LA FLOTTA DEI RAPPER: @kid_kontrasto @shekkero @morbotds @ghoul_reiven @_drimer @john_durrell @poomba_libre @bruno_illbuggoso #freestyler #fea #trasferter #alcatraz #after #champions #brothers #vez #titans #burriti #caipiroska #rispostaallaseconda #flottadeirapper

Un post condiviso da Frenk (@frenk.one) in data:

Commenti
Nata l’11 settembre all’epicentro di un terremoto, Destinata in quel momento a buttar giù quello che trovo" cit. Mistaman Mi chiamo Elena, e abito a Monza, ma se per caso passate per Sesto potrete trovarmi tra le tag di qualche muro, come Exena. Cresciuta tra i palazzi e i parchetti della periferia milanese, con la voglia di uscire dagli schemi, di differenziarmi dalla moda del momento. Zaino in spalla e cuffie nelle orecchie, il bum bum cha ha sempre dato ritmo al mio passo, ai treni presi per raggiungere le più disparate jam e poter condividere sempre, con più persone possibili, questa mia grande passione: l'hip hop