Richer Than Errybody è il nuovo singolo di Gucci con DaBaby e YoungBoy NBA.

Gucci Mane ha pubblicato un nuovo vecchio singolo con la partecipazione di DaBaby e YoungBoy NBA. Richer Than Errybody è un brano uscito il 13 settembre, ma GuWop racconta le stesse cose che gli sentiamo dire da almeno una decina di anni.

Il pezzo è un’ode alla vita lussuosa e sfarzosa, un traguardo di cui Gucci è molto fiero e ci tiene a sottolineare gli sforzi che lo hanno portato a questo. Sia quelli nell’industria musicale, sia quelli nella malavita.

“One brick, he think he richer than errybody
Two bricks, he think he richer than errybody
Four bricks, he think he richer than errybody”

Il ritornello condensa molto del brano. Gucci parla di sé in terza persona e dice di sentirsi il più ricco di tutti quando vende “bricks” (“mattoni” indica in gergo delle partite di droga, probabilmente cocaina).

Gucci’s a murder, he got dead bodies
Certified, he cook way better than errybody
He traumatized, he done seen too many dead bodies
I ain’t lovin’ ‘cause these bitches fuckin’ errybody
I drop my top, I do the dance, I’m stuntin’ on errybody

Continua dicendo di essere un assassino: non risulta che sia mai stato processato o accusa di omicidio, verosimilmente vuole dire di essere così bravo in quello che fa, da creare il vuoto intorno a sé. Aggiunge di essere quello che “cucina” (sintetizza la droga in casa) meglio di tutti e di avere tante donne che però non ama.

La strumentale è prodotta da Lex Luger, membro fondatore degli 808 Mafia, ed ha le classiche sonorità della trap di Atlanta. YoungBoy e DaBaby si integrano perfettamente sulla traccia, sia per il tenore dei contenuti che per il flow. Il rapper di Charlotte soprattutto è uno degli artisti più richiesti nell’ultimo periodo, con il suo stile molto scanzonato e incalzante riesce a dare “movimento” ad ogni pezzo.

Richer Than Errybody è nel complesso un brano godibile in cui Gucci Mane fa quello che sa fare meglio. Il singolo potrebbe anticipare un nuovo album in uscita nel 2020 o forse già a fine 2019.

Commenti