Madame al mic, in collaborazione con RedBull 64 Bars.

La collaborazione tra Madame e RedBull nel format 64 Bars è, indubbiamente, delle ultime uscite tra le più particolari.

A soli pochi mesi dal suo primo brano Anna, sotto Arcade Army Records e ancora fresca del successo di Sciccherie che oggi conta più di un milione di views, Madame si sta facendo largo nella la scena.

Nelle sessantaquattro barre che ha scritto per questa collaborazione con RedBull, ci sono tutti i suoi, soli, diciassette anni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

DOMANI ORE 14 SUL SITO REDBULL 30/05 SUL CANALE YT DI ESSEMAGAZINE fooock🤘🏻

Un post condiviso da MADAME (@sonolamadame) in data:

In un mondo come quello del rap, in cui è facile lasciarsi prendere la mano e raccontare ciò che accade in maniera esagerata e a tratti improbabile, rimanere veri sembra essere la reale controtendenza.

Madame non cerca di impressionare a tutti i costi, né tantomeno di stravolgere la sua vita da diciassettenne quale è, in studio di registrazione. Il tema centrale che infatti emerge in quest’apparizione della rapper, sul canale di RedBull, è quello della scuola. L’artista, racconta delle sue giornate in classe, dagli aspetti più banali, arrivando a quelli più conflittuali e problematici.

Nella scrittura di Madame, non c’è finzione, quanto parzialmente l’influenza della scena rap italiana, di cui lei stessa sembra essere grande fan. Ciò che la contraddistingue è senza dubbio l’andare contro gli stereotipi legati alle donne nell’ambiente hip-hop. Non solo la rapper non si piega ad un prototipo di immagine femminile dettato dal pubblico, ma fa di più, scardina i preconcetti esistenti essendo semplicemente sé stessa.

Sulla base dei 2nd Roof, troviamo una ragazza giovanissima ma con tutte le carte in regola per affermarsi nella scena, fare una rivoluzione, rimanendo quanto più fedele possibile alla realtà.

La performance di Madame pubblicata oggi sul sito di Redbull, ve la lasciamo qui sotto.

Foto in copertina di: Fabio Ficara.

Commenti