Lupo Di Hokkaido, sette brani in cui Claver Gold racconta perché si sente una razza in via d’estinzione.

Lupo di Hokkaido EP è il secondo progetto di Claver Gold e Kintsugi ed è il sequel ideale – seppur molto diverso – di Melograno. Il titolo fa riferimento ad una razza di lupo che viveva nella penisola di Hokkaido, più grande dell’altra specie di lupo endemica in Giappone. Si è estinta dopo lunghe campagne di caccia – era ritenuto dannoso per l’allevamento – e dopo che gran parte del suo habitat è stato “mangiato” dalla veloce industrializzazione della penisola.

“Sai quante volte ho visto il cielo cupo
Cadere sugli umani in un minuto
E son rimasto ancora lì seduto
Zitto e deluso nella tana del lupo”

Il lupo di Hokkaido è la cultura hip-hop, minacciata dal rischio d’estinzione per la distruzione dei suoi canoni tradizionali. Al di là della metafora, il Giappone attraversa tutto l’album: dalle skit a inizio di ogni brano, alle citazioni all’interno delle strofe. L’unico featuring è con Hyst – che ha origini giapponesi – in Parte di Me.

“Generazionale come Fibra e Vasco
Fedele al mio pensiero come Fidel Castro
Tipo leader, mastro di una scena morta
Ora tutto è spento e niente mi conforta”

Per maggiori dettagli sulle tracce dell’Ep rimando a questo articolo in cui Claver Gold racconta il progetto brano per brano. Lupo di Hokkaido è molto impegnativo da ascoltare per la densità lirica con cui è costruito e necessità di ascolti multipli per essere compreso. Non si tratta però di una barriera perché, grazie soprattutto alla produzione di Kintsugi, risulta coinvolgente e vario.

Fateci sapere cosa ne pensate!

Commenti