La Prova Vivente è il lavoro a quattro mani di Drimer e Ric De Large.

La Prova Vivente per testimoniare che nel 2019 si può parlare ancora dei valori classici e fondanti dell’hip-hop, senza dover riproporre metriche e suoni classici. Drimer ci mette le rime, gli incastri, le citazioni, l’attitudine. Ric De Large make it easy baby (come dice la tag) il producer fa sembrare tutto semplice e naturale. Propone una grande varietà nelle strumentali che si adattano ai diversi mood dei brani.

La Prova Vivente contiene quattordici tracce, con tre soli ospiti – Nerone, Egreen e Mattak – spartiti in Fregaunca’ e Ultimatum. Il tema unificante del progetto è la visione che Drimer ha del rap e della musica in generale. Deve avere contenuti, richiede delle prese di posizione chiare e una sincerità di fondo verso gli ascoltatori. Bisogna essere disposti al sacrifico, all’impegno e soprattutto essere capaci di rappare dal vivo.

“Una linea di break per ricordarmi chi sono
Di violino e piano per ricordarmi del suono
Una linea di basso perché non sono solo
E le trombe nelle orecchie per caricarmi di nuovo”

La Prova Vivente oltre ad essere di qualità dal punto di vista musicale, è un album costruito per essere tale e non una sorta di playlist, come spesso accade soprattutto tra artisti emergenti.

Inoltre è un disco che parla alle persone nella loro dimensione collettiva, sottolinea valori e disvalori che si possono comprendere come individui all’interno di una società. Diversamente dalla maggior parte dei rapper che fanno brani consciuos, che si limitano a proporre una loro narrazione personale e il proprio vissuto come esempio per gli ascoltatori. Come dice Drimer in un suo precedente lavoro:

“E l’Hip Hop non è militante, ma neanche limitante
Sa cos’è e cosa non è importante
Perciò si fotta anche la mia generazione
Come in ogni storia vale l’eccezione, siamo la rivoluzione”

Di seguito lo streaming di La Prova Vivente di Drimer. Buon ascolto!

Commenti