L’annuncio vedeva originariamente l’uscita di That’s a Rack e Sanguine Paradise per lunedì pomeriggio e l’unico che non ne ha parlato è stato Uzi stesso.

Cerchiamo di far chiarezza in questa fitta nebbia costituita da problematiche tra artista ed etichetta e leak vari.

Dopo tutte le vicende che noi di Rapologia.it vi abbiamo raccontato qualche settimana fa, è uscito Free Uzi e in meno di una giornata il singolo è stato rimosso da gran parte dei servizi di streaming musicale, sopravvivendo solamente su SoundCloud. Dopodiché questo lunedì DJ Drama, uno dei due CEO della Generation Now – la label di Lil Uzi Vert – ha annunciato via Instagram che sarebbero in dirittura di arrivo non uno ma ben due singoli dell’artista, più precisamente il pomeriggio della giornata stessa. Passano le ore, ma dei due nuovi pezzi di Lil Uzi non se ne vede nemmeno l’ombra, la stessa storia viene ricondivisa ma la data di rilascio viene rimandata a “presto”.

Ancora nulla. Finalmente oggi (mercoledì 10 aprile) i due singoli That’s a Rack e Sanguine Paradise vengono rilasciati su tutti i servizi di streaming musicali più importanti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

New Lil Uzi Vert. That’s A Rack #Generationnow 🔥🔥

Un post condiviso da Generation•NOW (@generationnow) in data:

Purtroppo l’interesse verso le due canzoni non è al massimo da parte dei fan, visto che – come altre numerose tracce – i due pezzi erano già usciti qualche settimana fa sotto forma di leak.

La cosa più strana, probabilmente è il fatto che That’s a Rack e Sanguine Paradise sono stati pubblicizzati sia da Generation Now che dalla Roc Nation, ma non dallo stesso artista Lil Uzi Vert!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

@LilUziVert. That’s A Rack. Sanguine Paradise. Out Now ➡️ @TIDAL.

Un post condiviso da Roc Nation (@rocnation) in data:

Inoltre, nel periodo in cui le due tracce insieme ad altre vennero leakate online, Lil Uzi pubblicò una storia in cui scrisse:

“Ogni volta che qualcosa subisce un leak sapete che tutto ci metterà molto di più….quindi divertitevi.”

Purtroppo non è chiaro quando – o se, visti gli sviluppi – Eternal Atake verrà rilasciato, in maniera ufficiale perlomeno, ma soprattutto è sempre meno chiaro che cosa stia succedendo tra Uzi, la Generation Now e la Roc Nation.

Per quanto riguarda invece le due tracce, sono molto più semplici e quasi radiofoniche rispetto a quel che era invece Free Uzi. Potete ascoltare That’s a Rack e Sanguine Paradise ai link YouTube qua sotto:

Commenti