Analizziamo Fuori Piove di MadMan, una delle tracce contenute nell’ultimo mixtape MM3, sotto il profilo tecnico e contenutistico.

Nelle precedenti puntate abbiamo analizzato i testi Vendetta di MarracashLa Solitudine di RkomiPrega per Noi di Achille LauroLascia Stare di Fabri FibraIron Maiden di AxosParanoia Mia di ErniaLunedì di Salmo e Per Sempre di Don Diegoh. Continuiamo la rubrica con Fuori Piove di MadMan. 

Come le scorse volte, se prima ti serve una rinfrescata riguardo alle figure retoriche clicca qui.

Analisi tecnica di Fuori Piove di MadMan

MadMan è da sempre considerato uno dei rapper più tecnici nella scena italiana e anche in questo ultimo mixtape non stenta a dimostrarlo in svariate tracce: rime, incastri, svariati flow e metriche precise sono preponderanti durante l’ascolto di MM3.

Fuori Piove non è la traccia tecnicamente più pregiata del disco ma nel mix tecnica-contenuti risulta essere una delle più indicate, motivo per il quale ho scelto di analizzarla a discapito delle altre. Tutti versi terminano in rima o assonanza e lo schema del testo è composto da una intro, due strofe coi rispettivi ritornelli e un’outro.

Fuori Piove di MadMan comincia con l’utilizzo dell’anafora che consiste nell’iniziare versi consecutivi con le stesse parole (“Non pensavo che fossi così / non pensavo mi facessi male”). Ci sono varie metafore che hanno la funzione di evidenziare i concetti ad esempio “siamo tutti maledetti lupi” per descrivere lo stato di solitudine che accompagna l’essere umano, oppure “sopra i vetri con i piedi nudi” per definire la sensazione di dolore provata dall’artista.

Nella seconda strofa, da quando inizia a più di metà, si può notare un’allitterazione della lettera “e”, questo serve a creare una sorta di collegamento tra i versi e un flusso continuo del testo. È presente anche un anastrofe nella prima strofa (“mi spiace solo del tempo / quello che ho perso”), infatti viene invertito l’ordine normale delle parole per evidenziare appositamente i termini “tempo” e “perso” che assumono un significato più forte. Infine, forse, si può intendere la frase “sotto le ruote del mio crossover” come una sineddoche poiché il termine “crossover” può essere visto come il genere della specie (la macchina).

MadMan

Analisi contenutistica di Fuori Piove di MadMan

MadMan è uno di quegli artisti che predilige la parte tecnica a quella contenutistica, ma ciò non significa che non abbia pubblicato diverse canzoni con molti spunti di riflessione e Fuori Piove è una di queste. La traccia parla di solitudine e amore, l’artista esterna molti dubbi riguardo le persone che lo circondano e trova conforto principalmente in quella che è la sua ragazza. Argomenti trattati anche ad esempio in Mickey Rourke: il voler lasciare alle spalle chi gli ha fatto del male (ex e amici che non si sono rivelati tali) e l’auto-isolamento dato dallo stato depressivo che lo affligge.

L’intro di Fuori Piove di MadMan funge da movente per l’intera traccia, dando il via ai motivi che lo spingono a scrivere. L’autore cerca di fidarsi delle persone ma puntualmente queste lo deludono e lo fanno vacillare in condizioni di tristezza, dimostrando che nessuno cambia in meglio e che in fin dei conti siamo circondati da un egoismo sfrenato. Così viene portato ad essere introverso e chiudersi in sé stesso, senza voler entrare in contatto con l’esterno: una reazione comprensibile che però lo porta a provare forse ancora più dolore.

La prima strofa parte con una presa di posizione da parte di MadMan che dice di voler scrivere cose che rimarranno impresse nel tempo paragonandosi a immagini iconiche quali il “viandante in mezzo alla nebbia” o il “diamante in mezzo alla m*rda“. In seguito riprende l’argomento delle persone che l’hanno deluso in passato, specificando che l’unica cosa che rimpiange è di aver perso del tempo che poteva impiegare in qualcosa di più utile. Poiché è riuscito a combattere queste “iene” che lo circondavano si sente più forte: questo col passare del tempo l’ha cambiato perché spesso ha passato giornate tendenti alla depressione e in solitudine. Infine, dedica due barre alla sua metà che sembra l’unica a stimolare pensieri positivi al rapper pugliese.

La seconda strofa viene introdotta da un esercizio di stile tecnico mixato a un contenuto autocelebrativo che è rafforzato proprio dalla capacità lirica e lessicale che da sempre contraddistingue MadMan, spesso esaltato appunto per una scelta meticolosa del vocabolario utilizzato. Come il precedente componimento di versi, anche questo termina con due pensieri alla propria ragazza, esaltandola nuovamente e contrapponendola a tutto il resto che circonda il protagonista in questione che pare invece vuoto e squallido.

Credendo non sia una casualità la conclusione simile delle due strofe, è interessante questa decisione su come strutturare il testo in questione, contrapponendo la superficialità del mondo con la purezza della figura femminile. 

Conclusioni

MM3 è la dimostrazione delle capacità di MadMan e in un certo senso consacra il suo percorso artistico fino a questo punto, tra lavori più riusciti e altri invece meno compresi (stando all’accoglienza di pubblico e critica), il mixtape assume una posizione chiara di affinamento nella musica del rapper.

Fuori Piove è una delle tracce che più rappresentano l’intero progetto, dimostrandosi un ottimo mix tra tecnica e contenuto e proiettando l’artista verso temi più nobili rispetto alla gran quantità di tracce spensierate alle quale ci ha abituati.

MadMan

Correlato:

Grafica di Mr. Peppe Occhipinti.

Commenti