Hitler Wears Hermes 6 è il nuovo album di Westside Gunn che corona questo 2018 di assoluto livello.

Stanno lentamente finendo gli aggettivi per descrivere il 2018 di Westside Gunn. Hitler Wears Hermes 6 è il nuovo album del CEO di Griselda che non si è dimostrato soddisfatto dell’immenso feedback positivo ricevuto con Supreme Blientele, candidato ad essere uno dei migliori lavori di quest’anno. Se non il migliore. Un disco mastodontico all’interno del quale possiamo trovare i migliori produttori dell’Hip-Hop americano attuale, da 9th Wonder e Pete Rock passando per The Alchemist ed il gioiellino Daringer, ed un livello di rap, di concept e di attitudine praticamente ineguagliabile. Westside Gunn ha tutto nelle sue barre: la sua passione per il wrestling, i marciapiedi nei quali è cresciuto, il suo amore per la cultura e per la moda. Già, perché è un grosso errore pensare che i marchi di lusso siano ormai un oggetto esclusivo dei new comers e dell’ormai datato mumble rap.

Westside Gunn ha riportato in auge la cifra stlilistica che vede citare ed indossare i maggiori brand di lusso e trasformarli in immaginario collettivo in modo consapevole e maturo. Le volte in cui lui e i suoi soci hanno citato il mondo della moda sono infiniti, ma l’esempio più concreto è sicuramente rappresentato dalla sua “collezione” di punta, ovvero il ciclo di Hitler Wears Hermes, che gli ha permesso di scandalizzare, provocare ed attirare l’attenzione su di sè allo stesso momento. Dal 2012 ad oggi gli episodi usciti sono ben sei e raccontano dentro le loro rime la crescita esponenziale di Westside in quanto artista ed in quanto personalità influente.

In alcune stories, lo stesso rapper ha affermato di aver investito più di 10k nella realizzazione grafica del progetto che dà un seguito importante alle cover degli episodi precedenti. Hitler Wears Hermes 6 è già disponibile sullo store ufficiale di Gunn mentre per il rilascio su tutte le piattaforme digitali dovremo attendere sino al 9 novembre. Occhio che il sold out arriva sempre presto nei siti Griselda.

Commenti