Disponibile in formato digitale e fisico “Potere” di Luchè, il disco della consacrazione del rapper napoletano.

Le aspettative su “Potere” di Luchè erano talmente alte e, senza troppa sorpresa, sono state soddisfatte tutte. Questo disco è una lunga ed intensa opera d’arte composta da quindici tracce nelle quali nulla è lasciato al caso, dalla composizione melodica sino ad ogni barra presente al suo interno, featuring compresi. La maggior parte delle produzioni sono state curate in primis da D-Ross, musicista e compositore più che beatmaker, e dallo stesso Luchè, che dà una dimostrazione della sua estrema versatilità artistica.

Dare un seguito ad un altro peso massimo come “Malammore” – il suo precedente album – non sembrava affatto facile. Ma ciò che si nota dal primo ascolto è come il rapper di “Je Ce Credevo” abbia praticamente dato tutto per innovare se stesso e la sua musica, spingendosi oltre i confini prestabiliti, oltre ciò che la musica italiana ultimamente ci ha abituato. Perché limitare un disco del genere al solo rap potrebbe sembrare riduttivo. Dentro troviamo di tutto: la vita, gli amori, le amicizie, Napoli, i ricordi, i rimorsi e le emozioni.

29.06.18. POTERE. Il mio nuovo album. Preordina ora il cd e il vinile autografato su Amazon. Link in bio.

Un post condiviso da Luche (@luche_official) in data:

Un disco come questo è oro colato per dare una forte scossa al rap italiano regalandogli una sfumatura inedita come solo Luca Imprudente sa fare. Il disco è uscito per Universal Music, il che fa presagire un bacino di promozione molto ampio che – speriamo- questa volta possa restituire a Luchè i giusti meriti per il suo percorso artistico. Che questa sia la volta buona per un disco d’oro, forse anche qualcosa di più.

Potete ascoltare “Potere” su tutte le piattaforme digitali e sul nostro sito al link che trovi sotto. Luchè è tornato e non ha intenzione di andarsene.

Commenti
Ho 21 anni e mi nutro quotidianamente di questa musica. Preferisco gli autori profondi a quelli superficiali e sono fermamente convinto che il rap possa veramente tirare fuori le persone dalla m*rda.