Nicki Minaj fuori con due videoclip molto attesi.

Come annunciato da Nicki Minaj stessa all’inizio di questa settimana, nel pomeriggio di ieri sono stati caricati su tutte le piattaforme i video di “Barbie Tingz” e “Chun Li“. I singoli anticipano il quarto album in studio della rapper di Trinidad e Tobago, seguito del multi-platino “The Pinkprint” (2014).

Alla regia di “Barbie Tingz” troviamo Giovanni Bianco, direttore creativo della rivista Vogue Italia, e il risultato finale è molto sobrio rispetto a quello a cui Nicki Minaj ci ha abituato in questi anni (“Anaconda” in primis!). Il video è una sorta di parodia che la rapper fa di tutti i cloni che l’industria musicale ha fino ad ora gettato sul mercato nel disperato tentativo di soppiantarla (Cardi B?): su uno sfondo bianco, infatti, vediamo muoversi una marionetta retta da fili, bambole tentare inutilmente di stare al passo di Nicki e una crew scatenata, guidata dalla rapper in persona, dare qualche lezione alle altre rap bitches. Il messaggio è molto chiaro: di Nicki Minaj ce n’è soltanto una. Una sola è la regina del rap game.

La clip di “Chun Li”, invece, è stata diretta da Steven Klein (“Wolves” di Kanye West) ed è più complessa (e meno sobria) della precedente. Nicki Minaj, vestita da combattente, affronta e sconfigge tutte le persone che tentano di frapporsi tra lei e il successo, screditandone immagine e fama. Le coreografie pazzesche, le atmosfere dark e i look orientaleggianti permettono alla rapper di dare il meglio di sé, dando vita ad un video di ottima fattura. Ancora una volta, la sovrana riprese in certe scene ci ricorda che con il fuoco non si scherza…

Siamo sicuramente di fronte a due dei migliori video mai girati da Nicki Minaj, nonché a due delle canzoni migliori della sua discografia (provate a dare un ascolto anche a “Feeling Myself” e “Freedom“). Stando a quanto detto dalla rapper su Instagram, entro una settimana verrà rivelata la data di uscita dell’album che dovrebbe arrivare “very soon“.

Noi speriamo in un album in pieno stile rap, sulla scia di queste due tracce, come promesso dalla diretta interessata lo scorso anno in una intervista a DJ Whoo Kid. Un progetto che non strizzi eccessivamente l’occhio al pop e le permetta di mostrare la propria stoffa, facendoci dimenticare outfit sgargianti e parrucche esagerate.

Vi sono piaciuti i video? Cosa vi aspettate dall’album? Fatecelo sapere nei commenti…

Commenti