Testo del brano “La Mia Famiglia” di MezzoSangue.

Per ascoltare “La Mia Famiglia“ clicca qui.

La mia famiglia sa chi sono, sa da dove vengo
Sa quanto ci credo in questo suono e sa quanto ci spendo
La mia famiglia mi conosce dentro
Perchè ha fatto un puzzle del mio petto
E in ogni testo ce ne ho messo un pezzo
La mia famiglia ha mille volti e un solo nome e lo urla al cielo
Sa che ho dato il sangue per tenerlo vero
È fiera come Dio de me
Come chi dà tutto e non perdona, lei
Sa che sopra er core c’ho la firma Roma
La mia famiglia ascolta, c’ha la testa buona
Lei lo sa che questa musica gli parla e che non solo suona
Se ne sbatte di ogni moda perché sa che passa
Ancora fisso il cuore duro su rullante e cassa
La mia famiglia abbraccia con la guardia alta
E crede in me perché in me vede un fratello che mo ce l’ha fatta
Zero Cristi e zero Guida, brindano a sostanza
Brinda alla parola nuda e alla famiglia larga

È uno squarto dentro il petto a dirti non sei solo
È un sorriso che sa bene che non basta mai
Nè dare il massimo per niente nè capirci al volo
È quella mano che ti sveglia quanto non ci stai
Empatia, sinergia, stessi passi falsi, stessa scia
Il magnetismo che ci incolla sulla stessa via
Non è il sangue, non è il nome, non la dinastia
La mia famiglia, la mia famiglia, la mia famiglia

La mia famiglia sa che ho i dubbi in testa
Più di quanti crede e veste sporco perché sa quello che vede
La mia famiglia ha sete e beve ciò che prova
Manda giù emozioni come droga, vuole roba nuova
La mia famiglia sta in coda in coma sopra l’autostrada a ruota con i film
Nuota in mezzo a musiche dimenticate
Affoga quando pensa, respira quando vive
Impara a respirare mentre attenta uccide, intanto piange e ride
La mia famiglia ha spine che non sono sue
E toglierle vuol dire sanguinare e mettere le tue
Lei giudica facile perché facile vive
Ma quaggiù vivere è facile qua su è facile dire
La mia famiglia distingue fra il mago e l’illusionista
E mentre sposta le cose col pensiero, ci si impiglia
Io la famiglia l’ho persa e riconquistata
Persa e riconquistata e adesso ho aperto le ciglia

È uno squarto dentro il petto a dirti non sei solo
È un sorriso che sa bene che non basta mai
Nè dare il massimo per niente nè capirci al volo
È quella mano che ti sveglia quanto non ci stai
Empatia, sinergia, stessi passi falsi, stessa scia
Il magnetismo che ci incolla sulla stessa via
Non è il sangue, non è il nome, non la dinastia
La mia famiglia, la mia famiglia, la mia famiglia

Commenti