Vacca e Inoki firmano per la pace nel singolo “Blood A Blood” contenuto nel nuovo album “Don”.

Dopo molti anni di tensione e disappunto Vacca e Inoki hanno deciso di chiudere fuori il passato per far spazio al presente. “Blood A Blood” non è soltanto una collaborazione eccellente quanto piuttosto una testimonianza chiara di come i due artisti abbiano seppellito l’ascia di guerra – oramai colma di polvere – per unire insieme le loro liriche, notoriamente contraddistinte da una massiccia dose di knowledge e di delivery consapevole.

Il brano – contenuto in “Don“, il nuovo album di Vacca – è una vera chicca per gli estimatori dei due artisti così come per chiunque monitori costantemente ogni uscita attuale. Il livello si è alzato, i suoni sono cambiati, la diffusione del messaggio si è ormai sviluppata su più vie parallele, ma Vacca e Inoki ci tengono a ricordare come il DNA non possa esser cambiato nel tempo, quando nasci per qualcosa muori per questa.

La produzione del brano è molto fresca, in perfetta linea con i suoni attuali con qualche news interessante, il cui missaggio- completamente indipendente anche questo, così come la produzione e la registrazione del disco–  riflette bene l’intenzione del producer Mattbeatz di creare un tappeto musicale aggressivo ed incalzate per le rime crude e serrate dei due rapper. Inoki fa una strofa degna dei tempi migliori, segno della sua evoluzione artistica e mentale che sta dimostrando di avere lasciando il posto alla maturità piuttosto che all’impulsività. Le barre del pezzo ci ricordano molto quelle altrettanto “street” di “Basso Profilo“, la title-track del suo ultimo progetto che ci aveva impressionato parecchio. Per quanto riguarda Vacca invece, quest’ultimo conferma di saper tradurre la sua ispirazione in grande stile, atteggiamento non scontato per un artista che ha scritto tantissime barre nella sua vita anticipando approcci e tendenze adesso definitivamente esplose.

Il video del brano, rilasciato ieri, è diretto da Andrea Radogna ed è la firma ufficiale di questo patto di sangue siglato tra Vacca ed Inoki come lo stesso Don si appresta a dichiarare in una delle barre:

Da Bolo by night a Milano, alle guerre fatte con Fabiano, oggi col mio migliore nemico fottiamo la scena dandoci la mano“.

Correlato:

Commenti
Ho 21 anni e mi nutro quotidianamente di questa musica. Preferisco gli autori profondi a quelli superficiali e sono fermamente convinto che il rap possa veramente tirare fuori le persone dalla m*rda.