Il punto di vista di Eminem, un “white boy”, sulla brutalità della polizia statunitense nei confronti degli altri, i “black boy”.

Eminem è finalmente fuori con “Untouchable“, il suo secondo singolo che precede l’album “Revival” che uscirà a breve e, questa volta, ha deciso di trattare temi delicati, di dominio pubblico, come il razzismo nei confronti delle comunità nere.

Em sta provando a dare un peso a tutto quello che scrive, rendendo tutto ciò molto interessante dal punto di vista sociale. Fa del parallelismi, sul trattamento che viene riservato al “Black Man” dalle forze di polizia americane, soffermandosi su atteggiamenti, azioni e ingiustizie che ancora oggi si presentano, e da come vengono evitate certe situazioni se sei semplicemente un bianco. Critica chi prova ad eliminare le minorità razziali ormai più presenti nei quartieri americani, le credenze e i “modi” repubblicani, sottolineando tutto ciò come una “Crime War” di cui tutti fanno parte. Non dimenticandosi mai del passato, fino ad arrivare negli anni “60”, dove essere un nero era un vero e proprio rischio.

Eminem si definisce imbarazzato da queste situazione e prova a far chiarezza su tutto questo, perchè lui è pronto a difendere e distruggere tutte queste ideologie che purtroppo si presentano soprattutto in questa situazione politica attuale.

“No matter how many lives you ruin
It’s for the red, white and blue
Time to go find a new one and split his head right in two
No one’s ever indicted you”

Eminem è pronto a cambiare le cose, o almeno a provarci, con questo nuovo singolo sta facendo capire che il suo “Revival” sarà un disco molto impegnato sia dal punto di vista sociale che lirico. Sembra che Slim Shady sia in gran forma e che voglia lanciare un messaggio a tutti quanti, con il suo Rap e con le sue rime sempre taglienti e distruttive.

In attesa dell’uscita dell’album godiamoci questo suo ultimo pezzo dalle sonorità diverse, ma comunque d’effetto. Buon ascolto!

Correlato:

  • Ascoltate anche “Walk On Water“, il singolo realizzato assieme a Beyoncé.
Commenti